Lagazuoi (Piccolo) Giro per Galleria del Piccolo Lagazuoi e del Castelletto

difficoltà: EEA   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 2105
quota vetta/quota massima (m): 2778
dislivello salita totale (m): 1020

copertura rete mobile
vodafone : 80% di copertura

contributors: mangiafioca
ultima revisione: 17/09/09

località partenza: Passo Falzarego (Cortina d'Ampezzo , BL )

punti appoggio: rifugio Lagazuoi m.2756

cartografia: Tabacco 1: 50000

note tecniche:
Interessante percorso che permette di visitare le gallerie di mina scavate dalle truppe italiane durante la Grande Guerra, e di vedere i resti delle postazioni sotto la Cengia Martini, facendo una deviazione a sx - ben segnalata - all'ingresso della prima galleria. La galleria del Castelletto, invece, si trova alla base della Tofana di Rozes e fa parte del primo tratto della ferrata Lipella, percorribile con attenzione.
Necessaria pila frontale e - per maggiore sicurezza - kit da ferrata.

descrizione itinerario:
Dal Passo Falzarego saliamo tramite il sentiero 102 a metà della salita sotto la Punta berrino, si diparte a sx un sentiero che entra nella gola dove inizia la famosa Cengia Martini e la galleria elicoidale costruita dai soldati italiani per far saltare la cima del piccolo Lagazuoi (25 tonnellate di esplosivo).
La galleria è lunga 1100 metri, ripida, con scalini irregolari di pietra e legno spesso bagnati, attrezzata con una fune d'acciaio come corrimano.
All'uscita della galleria, si prosegue in direzione del rifugio seguendo tacche bianco-rosse attraversando resti di trincee raggiungendo dapprima il rifugio, poi in circa 10 minuti la vetta del Piccolo Lagazuoi a quota m.2778.
Ritornati nei pressi della stazione di arrivo della funivia, si scende e si riprende il sentiero verso la forcella Travenanzes m.2507 - quindi a dx sino alla Forcella Col dei Bos m.2331.
Dalla forcella si prende verso sud il sentiero 404 e dopo circa 15 minuti, si incontra l'indicazione Castelletto, ed un sentierino a sx che risale il ripido coniude ghiaioso guadagnando circa 100 mt di quota, si giunge in vista del grande antro roccioso ai piedi della Tofana che da accesso alla Galleria del Castelletto.
Lo sviluppo delle galleria è di circa 500 mt e 120 mt di dsl. I tratti più ripidi sono muniti di scalette e corde metalliche. Durata 30-45 minuti ca.
All'uscita, sulla dx continua il percorso della ferrata. Si prende invece a sx un sentiero che, per una cengia attrezzata con corda metallica, scende nell'avallamento detritico che separa a nord ovest il Castelletto m.2656 dalla Tofana e raggiunge la Val Travenanzes presso il Sasso Misterioso.
Prendere a sx il sentiero 402 che ritorna alla forcella Col dei Bos m.2331 e scendere per una comoda strada sterrata che attraversa una piccola galleria e va ad incrociare il sentiero 412 che termina nei pressi di una casa cantoniera situata a quota m.1978, sulla SS48 km 108.5, adiacente ad un comodo parcheggio dove abbiamo lasciato la seconda auto.
Sviluppo totale circa 14 km.