Seone (Picco Settentrionale del) da Alboni

difficoltà: PD   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1375
quota vetta (m): 2755
dislivello complessivo (m): 1400

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: roby4061
ultima revisione: 15/05/09

località partenza: Alboni (Groscavallo , TO )

bibliografia: Guida ai Monti d'Italia CAI-TCI - Alpi Graie Meridionali

note tecniche:
Necessarri corda, imbrago, un po di nut, friend e rinvii, cordini e fettucce.

Avvicinamento lungo e faticoso, arrampicata con alcuni tratti molto esposti, non banale, passaggi di III°+, forse anche qualcosa di più.
La roccia, uno gneiss compatto, è "ottima" a detta della guida al Monti d'Italia, ma non tutti i massi sono stabili.

descrizione itinerario:
Da Alboni (Groscavallo) si segue il bel sentiero che si inoltra nel bosco, e superati gli alpeggi della Vaccheria giunge al bel piano delle Riane, all'imbocco del vallone di Unghiasse.
Il sentiero si porta sul lato sinistro idrografico della valle.
Si segue il sentiero che porta al colle della Terra di Unghiasse fin nei pressi del lago di Unghiasse.
Di qui si notano chiaramente gli svettanti torrioni denominati Picchi del Seone: da sinistra a destra abbiamo il Picco N, il Picco Centrale, il Torrione Maria e il Picco Meridionale. Si punta all'intaglio compreso tra il Settentrionale ed il Centrale, che si raggiunge in 3-4 ore da Alboni.
Di qui ci appare la via di salita più semplice al Picco Settentrionale.
Si aggira un primo risalto a sinistra, poi ci si porta a ridosso di una specie di camino, che porta ad un terrazzino tra grosse lame di roccia, e ad un altro camino verticale, esposto, che si supera in opposizione.
Una placca poco inclinata porta al passaggio più impegnativo, espostissimo, faticoso, proprio sotto la vetta. I primi salitori raggiunsero il masso estremo con un lancio di corda. Sulla vetta vi sono alcune pietre ammucchiate probabilmente proprio dai primi salitori nell'ottobre 1929.

La discesa conviene effettuarla in doppia. Abbiamo lasciato un cordino nei pressi della vetta, ma megli averne dietro altri, non si sa mai...