Triglav dalla Val Vrata (Mojstrana, Kraniska Gora, Slovenia)

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 1050
quota vetta/quota massima (m): 2864
dislivello salita totale (m): 1810

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: cemax
ultima revisione: 23/08/08

località partenza: Aljazev Dom (mojstrana , kranjska gora )

punti appoggio: Rif. Triglavski Dom (2515 m.) oppure Rif. Dom Valentina Stanica

note tecniche:
I tratti attrezzati fino al rifugio sono quasi tutti a fittoni e comunque facili, quindi praticamente inutile imbrago e/o set da ferrata.
Il tratto di cresta che porta in cima ha invece cavi metallici ma è anch'esso facile.

Non c'è acqua sul percorso!

descrizione itinerario:
Nel caso di spezzare la salita in 2 giorni (consigliato), pernottando alla Rif. Triglavski Dom (2515 m.)
Salita 1°giorno: 4.30 ore
Salita 2° giorno: 1 ora

Accesso: Da Tarvisio al valico di Fusine Ora proseguire oltrepassando Kranjska Gora per giungere poi a Mojstrana. Da qui entrando in paese svoltare a destra lungo la val Vrata fino alla Aljazev Dom dove si parcheggia.

1°GIORNO: Dall'Aljazev Dom seguire il sentiero che s'inoltra nel bosco, costeggiando il letto di un torrente. Seguendo le indicazioni per il Triglav con il numero 1 cerchiato di rosso, si gira sulla sinistra (indicazioni x Prag) attraversando il torrente.
Superare un primo tratto attrezzato con fittoni, poi su sentiero più scorrevole ed in continua salita si risale in diagonale un lungo tratto poi si superano ancora alcuni tratti attrezzati, e infine attraverso un tratto molto ripido si giunge a un evidente forcella. Ora mantenendo la destra si attraversa un avvallamento di rocce carsiche. Qui incontreremo un primo bivio dove terremo la destra (direzione x Kredarica), poi un secondo bivio per il Dom Valentina Stanica (anche qui teniamo la destra) e in breve si giunge al Rif. Triglavski Dom (2515 m.).

2° GIORNO: Dal Rifugio in leggera discesa si prosegue alla base della ferrata che conduce al Triglav. Da qui con l'aiuto di fittoni si risalire prima il fianco sinistro per poi portarsi sulla cresta in buona parte attrezzata con catene, seguendola interamente fino alla cima del Triglav.

Discesa per la via di salita.