Montana Vacias - Lapponia Spagnola

difficoltà: BC / BC   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 870
quota vetta/quota massima (m): 1800
dislivello salita totale (m): 7550
lunghezza (km): 400

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: mike52
ultima revisione: 16/04/20

località partenza: Teruel (Teruel , Teruel )

punti appoggio: Alberghi - appartamenti

note tecniche:
Itinerario selvaggio e solitario in una delle zone meno popolate d’Europa, nell’interno della Serrania Celtibérica denominata anche Lapponia Spagnola. Si attraversano le comunità autonome di Aragona e Castiglia la Mancha percorrendo prevalentemente sterrati, qualche sentiero e asfalto poco trafficato. La scarsa popolazione ed i centri abitati lontani tra di loro richiedono una prudente pianificazione delle tappe, i paesi sono poco abitati ma comunque si trovano abitazioni per dormire e l’unico bar può essere anche il locale per cenare (attenzione; chiudono alle 15 e riaprono alle 19:00 -19:30).
Il percorso da noi scelto è tratto dalla traccia di Montaña Vacías urbaciclyng.it, si trova anche sul sito Bikepaking, per nostre esigenze lo abbiamo accorciato e poi modificato in corso d’opera causa maltempo e violenti nubifragi al sud della Spagna, fortunatamente non ha colpito la nostra zona.
Scelto di non portarci la tenda e dormire negli alberghi/abitazioni in quanto i rifugi indicati sul percorso sono solo ricoveri di emergenza e spesso senza acqua.

descrizione itinerario:
Partenza dalla graziosa cittadina di Teruel, dopo pochi chilometri si è subito in solitudine, passato il piccolo borgo di El Champillo ci si inoltra in zone lacustri: Balsa del Pinar e Laguna de Bezas, dopo quest’ultima conviene fare una deviazione di 5 km verso Pena de la Cruz, dove si può ammirare un panorama a 360 ° sulla pianura sottostante.
Ritornati al bivio dopo circa 15 km si raggiunge Albarracin, caratteristico borgo turistico con mura fortificate, nel paese diversi ristoranti e bar.
Lasciato Albarracin si segue la A1512 per 10 km. quindi salita su sterrato fino a Broncales, poco oltre si scende a Noguera de Albarracin poi Griegos e Guadalaviar dove si trovano camere e ristorante.
Dal paese, dopo una prima salita a El Portillo, si scende al rio del Tajo e lo si costeggia per una decina di km., ci si sposta poi verso nord e con saliscendi si arriva a Checa e Chequilla dove lungo la strada si incontrano spettacolari monoliti di arenaria. Su asfalto si arriva poi a Peralejos de las Trucas dove si trova un Albergo.
Passati 4 km. da Peralejos inizia un panoramico sterrato e si riprende a costeggiare dall’alto il Rio Tajo ammirando le sue verdi pozze d’acqua. Si arriva a Laguna de Taravilla dove si attraversa il rio su una caratteristica passerella, si prosegue con un breve single track quindi di nuovo sterrato fino alla strada asfaltata Cm 210. Qui il percorso scaricato prevedeva di proseguire lungo il Rio Tajo fino a Zaorejas e poi tornare a Beteta per un totale di altri 65 km., noi abbiamo preferito tagliare sulla carretera Cm210 percorrendone 17 su asfalto e raggiungere facilmente Beteta, nel paese appartamenti, un negozio alimentari e un bar.
Poco fuori Beteta una breve deviazione alla Laguna Grande de Tobar, quindi si ritorna sul percorso, si va verso Santa Maria del Var, dopo circa 20 km. si segue la strada asfaltata che porta a Tragacete e sempre su asfalto si arriva a Laguna del Marqesado dove si trova appartamenti e bar per cenare.
Dal paese ci si dirige in salita su asfalto verso Zafrilla da qui sterrato in ambiente selvaggio fino alla strada asfaltata che dopo 5 km conduce a Salvacanete, paese con albergo per eventuale pernottamento.
Si ritorna sulla A 2703 e, dopo aver passato Toril, in leggera discesa sempre su asfalto si arriva a Valdecuenca, incrociando per un breve tratto il percorso iniziale si passa per Bezas ed El Capillo fino a San Blas, qui un tratto di sterrato che conduce a Teruel.
Questo ultimo tratto da Salvacanete a San Blas è tutto su asfalto, scelto questa soluzione per via del maltempo. Le strade asfaltate percorse comunque sono pochissimo trafficate.