Valletta dell’ Asino (Punta) – Quota 2750dal Lago della Rovina

Valletta dell’ Asino (Punta) – Quota 2750dal Lago della Rovina
La gita
walkerwolf
3 02/06/2013
Accesso stradale
strada aperta fino al Lago della Rovina.
Equipaggiamento
Scialpinistica

Si sale una conoide innevata fino ad imboccare il sentiero che sale ripido. Dove si incontra la strada, a 1900 c., calziamo gli sci. Alla diga del Chiotas si tolgono gli sci per una breve discesa e un po’ di lungo lago. All’ imbocco del Vallone di Fenestrelle si ricalzano gli sci e da lì sino in cima. L’idea originale era di salire alla Cima dell’Agnel per la Bassa Margot (Passo dell’Asino), ma l’assenza totale di rigelo notturno ci ha fatto sconsigliare la risalita dei ripidi pendii sopra il Genova. Seguiamo invece la traccia già fatta che conduce al classico itinerario dell’ Agnel. La traccia è sfondosa e su neve marcia fino a 2300 m. Per fortuna le numerose ed enormi valanghe già cadute danno un senso di sicurezza. Inquietanti ed anche suggestive sono invece le valanghe che scendono in continuazione dai punti più ripidi e dai colatoi di tutta l’ampia conca del Brocan. Dai 2300 è portante. Giunti alla conca sottostante il canale, sia per la neve sia perchè eravamo senza picca optiamo per il bel pendio sulla sinistra che conduce al Colletto 2730. Lo raggiungiamo (ultimi metri a piedi). Da lì in breve su questa cimetta di piacevole accesso. Discesa: da 2750 a 2400 ottimo firn; da 2400 a 2150 curvoni su neve marcia. A 2150 c’è un breve tratto delicato dove han già staccato precedentemente delle valanghette alcuni scialp, anche noi facciamo la nostra parte pulendo ulteriormente questo piccolo pendio. Oltre c’è il lungo traverso svalangato fono al Lago del Brocan. Fortunatamente c’èera già una bella traccia, che ci ha consentito di effettuarlo anche divertendoci, a mo’ di rodeo. Rieffettuato il breve tratto a piedi, pensavamo oramai di raggiungere in breve il sentiero e lì chiudere definitivamente con la sciata senonchè vediamo che si può continuare la discesa su un bel lenzuolo che scende in basso. Al suo termine scendiamo 100 m c. ripidi pendii erbosi e canalini (2 passi di 1°) fino ad un conoide. Da lì ancora una bellissima discesa fino all’ auto … e scendere di questi tempi a 1535 metri non è male.

In compagnia di Giuan.

Link copiato