Umbrias (Laghi d’) o del Monte Colombino da Forzo per Vasinetto

Umbrias (Laghi d’) o del Monte Colombino da Forzo per Vasinetto

Dettagli
Dislivello (m)
1050
Quota partenza (m)
1178
Quota vetta/quota (m)
2205
Esposizione
Est
Grado
E

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Da Cuorgnè o Ivrea o Rivarolo seguire indicazioni per Ceresole Reale e Valle Orco. Raggiunto Pont Canavese si prosegue per la Valle Soana, a destra sino a Ronco Canavese. DA questo proseguendo a sinistra per Forzo e Lasinetto, si prosegue fino al termine della strada in località Forzo dove si posteggia nella piazzetta antistante le case. Altra possibilità di parcheggio alcune centinaia di metri prima a Molino di Forzo.
Note
Splendidi laghetti incastonati fra grossi massi appena discosti dall'itinerario per il Passo di Lago Gelato.
L'itinerario per raggiungerli, specie nella parte alta, è di una bellezza paesaggistica eccezionale.
Descrizione

Dalla piazzetta di Forzo dove è possibile parcheggiare l’auto imboccare verso sinistra il sentiero per l’alpe Vassinetto e il bivacco Revelli (cartello indicatore) che si insinua fra le case della borgata. Quasi subito prendere a destra una stretta viuzza (mi pare sia la seconda che si incontra) fra le abitazioni in cui è visibile un bollo rosso.
Il sentiero sempre molto ben indicato percorre un tratto poco pendente fra due muretti di pietra dopodichè svolta destra e comincia a salire rapidamente con numerosissime risvolte nel bosco di larici, costeggiando e attraversando più volte una grossa pietraia. Intorno a quota 1575 si attraversa un bell’ombroso balconcino con due panchette di pietra e una cappelletta con Madonnina incisa.
Il sentiero continua a risalire ripido e a risvolte alternando il lariceto ad alcuni dossi erbosi e per un po’ costeggia e poi attraversa dei fili di una teleferica.
Diradatosi ormai il bosco a quota c.ca 1990 si sbuca in un primo pianoro erboso dove a breve ci si trova ad avere a sinistra un torrentello.
Qui ci sono due possibilità: o si continua sul sentiero principale mantenendo il torrente sulla sinistra e transitando sotto la casa di caccia Vittoria per raggiungere direttamente la grangia Vassinetto o si attraversa il torrente per una traccia non subito visibilissima ma poco dopo evidente e si raggiunge la suddetta casa di caccia, superata la quale dopo poche decine di metri ci si ricongiunge con il sentiero principale poco prima abbandonato. Le due alternative sono del tutto equivalenti sia come lunghezza sia come difficoltà.
Pochi metri dopo l’abbandonata grangia Vassinetto ci si imbatte in un masso su cui sono affissi due vecchi cartelli del Parco e su cui è indicato a vernice (sbiadita) il bivio: a destra si prosegue per il bivacco Revelli, a sinistra è indicato il passo di lago Gelato.
Nel nostro itinerario si prende a sinistra verso il passo di Lago Gelato e si comincia a risalire una ripida gola percorsa da un torrente che a q. 2080, poco sotto una bella cascata, viene attraversato.
Il sentiero è sempre piuttosto evidente, sia per la traccia sul terreno sia per i bolli rossi o bianco-rossi che non mancano mai e che spesso si vede che sono stati rinfrescati di recente.
A q. 2175 la pendenza del sentiero si addolcisce e si esce su di uno splendido e piuttosto esteso pianoro erboso percorso da torrente, lo si raggiunge con pochi metri di discesa e lo si attraversa tutto nel senso della lunghezza.
Dopo un breve tratto di ulteriore salita si tocca un secondo pianoro erboso più piccolo del primo ma non meno bello attraversato il quale si raggiungono in breve i ruderi dell’alpeggio Umbrias. Uno di questi un po’ discosto (e fuori dal nostro itinerario) lo si vede incastrato sotto la parete rocciosa sulla destra che scende dalla Costa Umbrias (talvolta indicata come Costa Braias).
Una volta in corrispondenza dei detti ruderi abbandonare il sentiero segnato che sale al passo di Lago Gelato e deviando ad angolo retto a sinistra raggiungere in poche decine di metri di percorso non obbligato fra grossi massi il lago centrale.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Carta I.G.C. 1:25000 n. 101
Bibliografia:
M. Antonicelli -
fcfcf
11.07.2020
1 mese fa
10 mesi fa
5 anni fa
7 anni fa
9 anni fa
11 anni fa

Tracce (1)

Condizioni

Link copiato