Trompa de l’Elefant Boy-Roca

Trompa de l’Elefant Boy-Roca

Dettagli
Altitudine (m)
900
Dislivello avvicinamento (m)
250
Sviluppo arrampicata (m)
250
Esposizione
Sud
Grado massimo
6a+
Difficoltà obbligatoria
5b

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Dal Monastero salire il sentiero/scalinata che sale nella gola fino a che la gola si allarga. A quel punto prendere la deviazione a destra per la chiesetta di San Benet. Da lì ancora a destra (specie di piccolo portone con cancello) e orizzontandosi nella vegetazione arrivare alla base della proboscidona dell'elefante.
Note
Embeh... bella divertente. Non banale il tiro chiave (sarà stato il freddo, sarà che siamo pippe) nonostante la spittatura ascellare. Sui tiri facili molto meno ascellare... anzi trovare il primo spit e la prima sosta non è facile ed in genere gli spit si vedono quando si hanno sotto il naso. Bel freddo...
Descrizione

1) Dalla base della proboscidona si sale senza via obbligata per una sessantina di metri puntando poco a destra della base della fessura che la delimita a sinistra e arriva più o meno a quell’altezza prima di sparire. Vagando ci si trova di fronte l’unico spit del tiro e brevemente si acciuffa la sosta. III+. Una specie di Patabang più facile… 😉
2) Sul filo o poco a destra. Due spit per una trentina di metri. IV.
3) Sul filo, molto verticale, un tratto strapiombante. 14 spit nuovi e un chiodo più un po’ di cimeli di interesse solo etnografico. 6a+. Sarà stato il freddo ma gli avrei concesso pure il 6b. Molto “traction avant”.
4) Si appoggia. Più o meno sul filo. Con un po’ di intuito e di fortuna si trovano i tre spit. IV+
5) Sempre più facile fino in cima. Due spit. IV.
Dalla cima si scende facilmente sull’altro versante per tracce e roccette e per il canale a sinistra guardando che riporta alla base.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
giudirel
01.01.2014
7 anni fa
Link copiato