Trofeo Kima

Trofeo Kima
La gita
danivottero
5 26/08/2012
Tipo di percorso
Molto faticoso
Tipo clima
Corretto

La regina delle sky! Come tecnicità del percorso qualche gara la avvicina (Trofeo Scaccabarozzi, Sentiero 4 Luglio, Royal Ultra Sky Marathon, Maga skymarathon) ma nessuna la eguaglia. Anche come bellezza dei luoghi attraversati secondo me è la numero 1. Una gara che evoca i tempi d’oro dello skyrunning, quando si disputavano gare come la Courmayeur-Monte Bianco. Il percorso è veramente affascinante, se si cerca di fare le discese alla massima velocità possibile risulta eccezionale. Si segue il Sentiero Roma che in alcuni punti diventa traccia ma sempre ottimamente segnata, passando su maestose pietraie (ganda), rilucenti placche rocciose (piode), sfasciumi, corde fisse, catene, scalini di ferro, pascoli bucolici, stupende faggete.. Ogni Passo, dove ad attendervi c’è il soccorso alpino, è una storia a sè: un muro di rocce ed erba il Val Torrone, per giungere al quale ci si trascina sulle catene; quasi alpinistico il Camerozzo, si passa su cenge esposte che solcano in diagonale una parete di roccia.. Insomma, a chi ama gli ambienti granitici e le gare ipertecniche, questa non se la deve far scappare!
Io me la sono goduta in pieno, non arrivando al limite nella traversata in quota, per poi dare tutto nella discesa finale. Oggi c’era il clou dello skyrunning mondiale, dato che la gara fa parte della Skyrunning World Series. Ho chiuso 16° assoluto in 7 ore e 43 e inaspettatamente ho vinto la combinata Royal-Kima! (dal 2011 si sono gemellate)

Link copiato