Tesina (Passo) da Vinadio, giro per Sant’Anna e Bagni di Vinadio

Tesina (Passo) da Vinadio, giro per Sant’Anna e Bagni di Vinadio
La gita
cuccimaira
5 03/11/2013
Equipaggiamento
Full-suspended

Inserisco qui perchè non riesco più a inserire nuovi itinerari.
Ho ideato un giro veramente “tosto” per visitare l’alto vallone di sant’Anna e non solo, sempre con l’intento di pestare meno asfalto possibile e anche di perdere dislivello il meno possibile attraverso strade, che siano asfaltate o sterrate.
Partenza da Strepeis, risalita al Colle Bravaria attraverso il Vallone Lasciauda, discesa sul Santuario di Sant’Anna poi ancora su sentiero fino alla strada Provinciale quota 1730, risalita al Colle della Lombarda, poi classico itinerario sulla cresta di confine passando per il Lago del Colle di Sant’Anna, Colle di Sant’Anna, Colle del Lausfer, Laghi del Lausfer, Colle Sabulé, Passo Tesina e discesa su Callieri, poi sterrati e sentiero fino a Strepeis.
Gitone magnifico in una magnifica giornata solo in rari momenti disturbata dal vento.
Consigliata solo a veri biker incalliti, che non si spaventano nel portarsi a spalle la bici per lunghi tratti e che sanno affrontare discese molto difficili e tecniche.
Giro da fare con MTB adeguata, cioè lunghe escursioni degli ammo, gomme larghe, freni al top e protezioni varie. Solo così si può affrontare il percorso in sicurezza quasi tutto in sella nelle discese.
In breve: Salita al Bravaria quasi tutta a piedi ma è abbastanza veloce. Nella discesa al Santuario si alternano tratti veloci ad altri molto tecnici. Se si desidera sfruttare anche il sentiero scorciatoia per Vinadio dai cessi del Santuario (c’è un cancelletto e poi scalini) c’è una prima variante che porta al tornante sottostante (tecnico)poi bel single trek fino all’asfalto con quà e là tratti impegnativi e anche una breve scalinata da affrontare con attenzione per i tondini in ferro che tengono i gradini che escono dal terreno.
Discesa sul Lago del Colle di sant’Anna bella tosta ma se si osa si può fare tutta in sella tranne un breve passaggio in basso.
Discesa dal Tesina molto lunga e impegnativa, di gran soddisfazione se si riescono a superare i numerosi tratti decisamente difficili. Le difficoltà sono rappresentate nella parte alta da un fondo pietroso/terroso molto instabile, sotto da numerosi rocconi fissi sparsi quà e là sul sentiero, che richiedono sempre la massima attenzione.
E’ il classico sentiero che, secondo me, o fai quasi tutto in sella o fai quasi tutto a piedi, quindi valutare bene.
Oggi gran giornata e gran soddisfazione per uno degli itinerari più impegnativi dell’intero cuneese, proprio come piacciono a me.
Per chi volesse affrontare discese meno impegnative l’anello al contrario sarebbe decisamente più facile. Fatto così sono circa 2200 m dislivello , ma sono possibili numerose scorciatoie lungo il percorso. Incontrate numerose persone lungo il percorso. Utilizzate la Carta Fraternali al 25000 “Alta Valle Stura di Demonte”, è precisissima.

Link copiato