Sommeiller (Colle) da Bardonecchia

Sommeiller (Colle) da Bardonecchia
La gita
lucabelloni
4 01/07/2012
Equipaggiamento
Front-suspended

Raduno interregionale CAI LPV con circa 100 partecipanti, dei quali all’incirca metà siamo partiti da Bardonecchia, gli altri dai Bacini. Partenza da Bardonecchia alle 8 con cielo grigio che non prometteva nulla di buono e qualche goccia di pioggia ad intermittenza…per fortuna però non faceva molto caldo e questo ci ha permesso di pedalare con una temperatura abbastanza piacevole. Salita su asfalto fino ai Bacini, poi Decauville fino ad incrociare la strada che arriva da Rochemolles; da qui in su la strada era chiusa al traffico per l’occasione, quindi abbiamo potuto pedalare con calma senza incrociare auto e moto e senza respirare polvere e gas di scarico. La strada, a parte il fondo un po’ dissestato specie dopo il Pian dei Morti, è in buone condizioni e completamente sgombra da neve fino agli ultimi 4 tornanti (quota 2.830 circa); da qui in su con 10-15 minuti di portage su neve si raggiunge la strada nel traverso che precede l’ultimo tornante e da qui un po’ pedalando e un po’ spingendo la bici si arriva al colle, dove tirava un vento gelido e ogni tanto venivano giù 4 gocce. Giusto il tempo di fare 2 foto e quindi discesa veloce lungo la strada fino allo Scarfiotti dove ci aspettava una bella polenta. Dallo Scarfiotti un bel taglio su sentiero, quindi di nuovo la Decauville fino ai Bacini; da qui prima abbiamo seguito una delle piste del Byke Park e quindi varie mulattiere passando per Gleise e Millaures che ci hanno riportati a Bardonecchia.

Sempre un bel giro, anche se farlo con la strada vietata a moto e auto è davvero un grosso vantaggio…la salita è davvero lunga e sembra non finire mai, poi anche per chi è abituato alle alte quote pedalare a 3.000 non è proprio uno scherzo e la fatica si fa sentire!!! Giornata grigia, con parecchie nubi e a tratti anche un po’ di sole…per fortuna però ha piovuto pochissimo, e viste le premesse non si poteva pretendere di più. Un ringraziamento alla Sezione CAI di Alpignano che ha tirato le fila dell’organizzazione.

Link copiato