Santa Elisabetta (Santuario) da Cuorgnè

Santa Elisabetta (Santuario) da Cuorgnè
La gita
andrealp
4 16/06/2012

Partito da Chivasso e, seguendo il tragitto che attraversa Caluso, San Giorgio Canavese e Castellamonte, ha raggiunto Cuorgnè da dove ho iniziato la salita al Santuario passando da Borgiallo. Parecchio caldo anche se con il progredire di quota ha preso il sopravvento una cappa di umidità nebbiosa che ha addirittura ridotto un po’ la visibilità. La Quinzeina, nascosta dalle nubi, non si è mai vista. Al Santuario di Santa Elisabetta non faceva affatto caldo ed è stato necessario indossare il giubbotto antivento per scendere, non prima di essermi adeguatamente rifocillato con pasto quasi completo al ristorante “Da Minichin”. Arrivato al bivio per Castellamonte si trova un cartello indicante la strada chiusa. Essendo intenzionato ad effettuare un percorso ad anello provo ugualmente a scendere ma lo sbarramento che si trova circa un chilometro e mezzo dopo è invalicabile anche per un ciclista. Sono pertanto costretto a risalire per 150 metri di dislivello e ritornare a Cuorgnè riattraversando Borgiallo. Il tragitto di ritorno si è poi snodato nelle prime ore del pomeriggio(con temperature di oltre 34 gradi) tra Rivarolo, Volpiano e Brandizzo prima di far ritorno a Chivasso dopo aver compiuto 101 chilometri e circa 1.200 metri di dislivello.

Link copiato