Salecchio Superiore da San Rocco

Salecchio Superiore da San Rocco

Dettagli
Quota partenza (m)
755
Quota vetta/quota (m)
1509
Esposizione
Sud-Est
Grado
EE
Sentiero tipo, n°, segnavia
G19 - G19a

Località di partenza Punti d'appoggio

Note
Sentiero poco frequentato, di solito si sale a Salecchio da Passo oppure percorrendo la traccia che in quota lo collega con Antillone (Formazza) o con Premia. Nonostante l’itinerario sia segnalato sulle cartine e abbia una numerazione, il traverso da La Pioda a Bigiogno ha pochissimi bolli e la traccia a terra è poco evidente. Dopo Bigiogno il sentiero si impenna, i bolli diventano frequenti, ma in alcuni tratti si procede a quattro zampe (vi sono anche cartelli che indicano il pericolo di caduta massi). Per superare l’ultima bastionata rocciosa, a ridosso di Salecchio, si devono risalire delle scale in ferro e il sentiero è attrezzato con cavi d’acciaio. Quest’ultimo tratto non è segnalato da nessuna parte! Bell’itinerario, vario e avventuroso, andrebbe indicato meglio: a San Rocco o al bivio di La Pioda bisognerebbe avvisare che il sentiero è per escursionisti esperti e ha dei tratti attrezzati, su di lì qualcuno potrebbe trovarsi in difficoltà.
Avvicinamento
Da Gravellona Toce si deve seguire la SS33 del Sempione, naturale prosecuzione dell’autostrada A26. Superate Domodossola e seguite le indicazioni per le Valli Antigorio e Formazza. Percorrete la strada regionale oltrepassando Crodo, Baceno e Premia, fino ad incontrare la frazione San Rocco. A fianco della grande chiesa vi è un parcheggio. Il sentiero G19 inizia pochi metri prima di entrare nella frazione, in prossimità del cimitero.
Descrizione

Vicino al cimitero vi sono le indicazioni del sentiero G19 che da San Rocco sale al Passo del Muretto. Superata la cascata bisogna stare attenti al bivio sulla destra imboccando il sentiero che inizia a inerpicarsi sul ripido versante della vallata. In prossimità di La Pioda vi è un secondo bivio. Se si prosegue sul sentiero G19 si sale verso il Passo del Muretto (all’altezza di Altiaccio si dovrebbe poter deviare verso Salecchio percorrendo un sentiero più tranquillo). Altrimenti si può imboccare sulla destra il sentiero G19a: un traverso nel bosco che ti porta alle case diroccate di Bigiogno. Lungo questo tratto si trovano pochissimi segnali, ve ne sono solo alcuni sui muri di un alpeggio. A terra la traccia e poco evidente. Arrivati a Bigiogno la segnaletica si fa più frequente. Il sentiero inizia a inerpicarsi sulla bastionata soprastante, diventando molto ripido. Vi è anche un cartello che avvisa del pericolo di caduta sassi. A un certo punto ti trovi sotto le pareti rocciose del contrafforte che ti separa da Salecchio inferiore, da lì parte un tratto di sentiero attrezzato con cavi e scale in ferro che ti aiutano a superare la parete rocciosa e ti conduce a poche centinaia di metri dalle prime baite di Salecchio. Superate le difficoltà, quasi arrivati all’alpeggio, un cartello beffardo segnala che il sentiero appena percorso è per “esperti”. Arrivati a Salecchio inferiore, si passa davanti alla Chiesa e alla Scuola e seguendo i cartelli ben evidenti, si risale fino a Salecchio Superiore. La discesa è stata fatta sul sentiero che conduce a Passo e che in alcuni punti costeggia la poderale. L’anello da Passo a San Rocco è stato chiuso percorrendo il sentiero di fondo valle che si snoda sulla sinistra del Toce.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Carta Escursionistica n. 10 - Val Formazza. Edita Geo 4 Map / CAI Sezioni Est Monte Rosa
stefano82
06/05/2019
Link copiato