Rutor (Testa del) Via Normale da La Joux per il Rifugio Deffejes

Rutor (Testa del) Via Normale da La Joux per il Rifugio Deffejes
La gita
dragar
5 16/06/2019

Lunga ma di soddisfazione. I panorami sono incredibili e molto vari. Grazie al notevole dislivello si passa tra boschi e cascate, alpeggi e laghi in quota, morene e ghiacciai.
Gran fascino anche per essere saliti a rifugio ancora chiuso ed essere quindi solo noi in giro (più il gestore che stava aprendo il rifugio, che ci ha gentilmente fornito energia elettrica e bevande).
Il locale invernale del rifugio è molto confortevole, ci sono 20 posti letto con coperte e un paio di tavoli. L’ambiente intorno al rifugio è anch’esso notevole, merita una gita anche senza salire oltre.

Partiti dal rifugio alle 4 siamo arrivati al cartello indicante Planaval. Da lì, visto il buio, abbiamo avuto parecchie difficoltà a reperire la strada giusta. Infatti c’è ancora molta neve che ricopre i sentieri. Arrangiandoci con radi ometti e con un po’ di saliscendi siamo infine giunti sulla sommità della morena, che abbiamo percorso fino alla quota di 2700m. Quindi, individuato il palo bianco che segnala il punto idoneo, siamo scesi verso il ghiacciaio.
Abbiamo battuto traccia senza particolari difficoltà, fino a 150 m circa dalla cima. Purtroppo, complice il tempo perso all’inizio e il passo non troppo veloce, si erano ormai fatte le 9, tempo limite stabilito per la ritirata. Abbiamo goduto comunque di un punto panoramico eccezionale su tutto il massiccio del Bianco.

Al ritorno gran caldo e parte finale del ghiacciaio abbastanza sfondosa.

Grande compagnia! Con Ele, Vale, Raffa, Filippo, Emanuele.

Link copiato