Ruitor (Cascate del) Sentiero del Centocinquantenario

Ruitor (Cascate del) Sentiero del Centocinquantenario

Dettagli
Dislivello (m)
400
Quota partenza (m)
1603
Quota vetta/quota (m)
1996
Esposizione
Nord
Grado
E

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Da Aosta proseguire in autostrada in direzione Monte Bianco fino a Morgex (ultima uscita).
Sulla statale, svoltare a sx e raggiungere Prè-St-Didier, ove al bivio si prende a sx la statale del Piccolo San Bernardo e la si segue fino a La Thuile.

Dal centro del paese, poco prima del secondo ponte che attraversa il torrente Dora, imboccare la strada del Col San Carlo e lasciarla poco dopo a sx, per prendere a dx (cartello indicatore) la stradina sempre asfaltata che conduce in breve alla frazione La Joux.
In alternativa al primo ponte sulla Dora girare a dx in direzione (Funivie) proseguire sempre dritto fino all'arco romano girare a dx seguendo per La joux.
Qui parcheggiare l'auto e proseguire a piedi.
Note
Le Cascate Rutorine sono tra le più spettacolari della Valle d’Aosta e sono generate dall’omonimo torrente, alimentato dai numerosi laghetti posti all’estremità nord-ovest del ghiacciaio del Rutor (sesto ghiacciaio d’Italia). Per ammirarne la bellezza si può percorrere un sentiero che porta da La Joux (1.603 m), a circa 3 Km da La Thuile, alla terza cascata (1.996 m).Consigliabile scendere per il nuovo sentiero del Centocinquantenario sulla sinistra orografica della Dora.
Descrizione

Si parte dai casolari di La Joux, si percorre la mulattiera, che attraversa boschi di conifere, fino ad arrivare, dopo venti minuti, allo spettacolare punto di osservazione sulla prima cascata, che si trova a 1.700 m; è consigliata una breve deviazione all’emozionante passaggio sul ponte che sovrasta la cascata e permette di osservarla dall’alto.
Si prosegue nel bosco fino a raggiungere la Baita Parcet (1.772 m), passando per un bucolico pianoro vicino al torrente; si riprende a salire per il sentiero, a tratti lastricato, fino alla svolta a destra per la seconda cascata, a 1.850 m. Pochi tornanti ancora e in brevissimo tempo si può ammirare sulla destra anche la terza cascata, oggi attraversabile grazie al nuovo ponte e che offre uno spettacolo mozzafiato sui due salti sottostanti. Nei pressi si trova un bivio che dà la possibilità di raggiungere il Rifugio Deffeyes (2.494 m) o deviare sulla destra in direzione dei Laghi di Bellacomba.
In alternativa,attraversato il nuovo ponticello metallico sulla III° Cascata si può immediatamente ridiscendere verso La Joux seguendo i nuovi sentieri aperti lo scorso anno sulla sinistra orografica della Dora (Sentiero del Centocinquantenario).

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Sono passati 150 anni dall’improvviso svuotamento del Lago di Santa Margherita che causò l’ultima alluvione sul paese di La Thuile, e che solo con l’evoluzione glaciale ha terminato di incutere terrore tra la popolazione. Il fronte del ghiacciaio, infatti, si ritirò definitivamente dalle sponde del lago nel 1864, anno in cui compì l'ultima rotta glaciale. Da allora il lago non è più stato sbarrato dal ghiaccio e le acque di fusione del Ruitor, tornarono a defluire normalmente a valle, in quello spettacolo di salti e spruzzi che possiamo contemplare anche oggi.
Nel periodo di Luglio, storicamente, la popolazione di La Thuile saliva in processione al ghiacciaio per scongiurare le alluvioni.
annibale
29.09.2019
1 anno fa
2 anni fa
4 anni fa
6 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Stazione Meteo 1488m 1.6Km

La Thuile – Villaret

Webcam 1420m 2.7Km

La Thuile

Webcam
Stazione Meteo 2042m 2.7Km

La Thuile – Foillex

Panoramica 2494m 3.7Km

Rifugio Deffeyes

Panoramica 2660m 4.3Km

Deffeyes P. 2660

Stazione Meteo 2430m 5.3Km

La Thuile – La Grande Tête

Stazione Meteo 2044m 6.6Km

Pré-Saint-Didier – Plan Praz

Webcam 1696m 7.6Km

Arpy – Foyer de Fond

Webcam
Panoramica 3260m 7.8Km

Becca Bianca

Link copiato