Rovaio (Monte) Via della Rospa

Rovaio (Monte) Via della Rospa

Dettagli
Sviluppo arrampicata (m)
70
Esposizione
Ovest
Grado massimo
6a+
Difficoltà obbligatoria
5c
Difficoltà artificiale (se pertinente)
a0

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Lasciata l’auto presso la cappella del monte Piglionico seguire in discesa un comodo sentiero che in 10/15 minuti porta all’abitato di Colle Panestra; seguire poi il sentiero della Memoria con segnavia bianchi e rossi (ignorare la traccia che porta a Pizzorno) che in altri 10 minuti porta a casa Trèscala, dove una lapide ricorda i partigiani del gruppo Valanga. Si risale brevemente seguendo il sentiero che poi a mezza costa passa sotto alle pareti (5 minuti); l’attacco è posto appena a sinistra della verticale del diedrone che caratterizza quella porzione di parete. Nome alla base.
Note
Difficoltà massima 6a+ e A0, 5c obbligatorio, RS1
Sviluppo 70 mt circa
Per una ripetizione sono necessario corda da 70m e 16 rinvii
Descrizione

L1 salire verso un primo fix, poi in obliquo a destra per una vaga fessura (chiodi, 5b/c), al suo termine (chiodo con fettuccia) salire una serie di muretti con passaggi tecnici (fix e ch., 6a); sosta su 2 fix collegati e maillon, 20 mt 6a
L2 appena a sinistra della sosta(ch. poi fix), superare un tratto in placca con passaggi tecnici (6a+, fix), poi più facilmente (ch., albero potato) fino ad una cengetta (vecchia sosta, sconsigliabile, su 2 ch. a pressione; sulla cengia un breve tratto di roccia ripulita richiede attenzione); proseguire verso destra (fix) entrando in un ampio diedro (5b,fix) seguirlo uscendone a sinistra (fix) con passo tecnico (6a+); un’ultima placca appoggiata (ch. con fettuccia) porta alla sosta su 2 fix collegati e maillon, 25 mt 6a+
L3 dalla sosta a sinistra (ch. e ch. con cordone) salire un vago diedrino fin sotto allo strapiombetto (fix e clessidra), salire in esposizione al suo margine sinistro, seguono 3 punti di A0 per uscire dal tettino e ribaltarsi sulla liscia placca successiva; dall’ultimo ch. a pressione per terreno facile ma infido si sale ad un terrazzino a sinistra dove si trova la sosta su 2 fix collegati e maillon; 15 mt, 6a e A0
Discesa: in doppia con 3 brevi CD.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Prima salita 10/VI/1978 Faliero Macarini e Roberto Storai con uso di chiodi a pressione e difficoltà di V+ e A1
Richiodata a giugno/luglio 2018 dallo stesso apritore Faliero Macarini, Marco Fagiolini e Enrico Tomasin con fix inox e chiodi nel rispetto della chiodatura originale ma per favorirne la salita in arrampicata libera.
enricotom
13.10.2019
1 anno fa
2 anni fa
Link copiato