Rognosa del Sestriere (Punta) dalla Valle Argentera per il Versante Sud-Ovest

Rognosa del Sestriere (Punta) dalla Valle Argentera per il Versante Sud-Ovest
La gita
rolly52
4 11/04/2010
Accesso stradale
partiti da bessè haut (strada di Valle Argentera ancora chiusa
Osservazioni
Nessuno
Quota neve m
1600

Gitone romanzesco.
Partiti alle 7,30 da Bessè haut con gli amici Elisa e Marco, siamo saliti in una giornata inizialmente bellissima che poco alla volta ha visto una sottile nebbiolina sopra Cesana trasformarsi in una pesante coltre nuvolosa fino a farci trovare un principio di bufera sulla vetta.Messo gli sci a 20 metri dall’auto,abbiamo seguito la stradina ancora sufficientemente innevata fino a imboccare l’evidente versante ovest dopo circa una quarantina di minuti.Abbiamo
trovato in seguito vari tipi di neve, molto dura nel canale sul versante sud e sul pendio finale, ghiacciato e costellato di massi affioranti.In vetta poco oltre le 12, in mezzo a nebbia e neve.
Discesa inizialmente molto difficile, su neve di marmo, dove io causa scivolata sono rotolato pericolosamente verso ripide rocce ma sono stato prontamente intercettato da Marco che, con placcaggio rugbistico, ha impedito il peggio.
Poi,dal colletto della Rognosa,discesa su neve stupenda fino all’auto,intervallata da tratti con nebbia fitta a tratti con visibilità accettabile.Una super discesa molto tecnica che ci ha riservato soddisfazioni grazie anche all’ambiente ,oggi pochissimo frequentato.

Tra le varie curiosità, la vicenda del mio apparecchio fotografico( una Nikon Coolpix,P 90, abbastanza ingombrante): scivolato dal mio zaino dentro la sua custodia
a quota 3250 m, ha imboccato il versante sud ,piuttosto roccioso, a tutta velocità.Stavo già rassegnandomi a lanciare un appello ai gulliveriani che sarebbero andati alla Rognosa nei prossimi giorni quando, in discesa, a quota 2730 metri(dopo oltre 500 metri di dislivello!!!), lo abbiamo ritrovato intatto e perfettamente funzionante al fondo di una conca innevata.
Quando si dice il fattore C!!Un carissimo saluto ai miei due eccezionali compagni di avventura Elisa e Marco.

Link copiato