Piz (Becco Alto del) Parete Est

Piz (Becco Alto del) Parete Est
La gita
sborderzena
17/02/2013

Gita in compagnia di Alain-Diego-Flowered e Robi-B.O.B.-Garnero.
Bell’itinerario che porta la firma di un grande del ripido locale ovvero Eraldo.
La parete fa mostra di se già da pian regina e vista da lì fa impressione. La parte alta è aerea ed estremamente panoramica, mentre la sezione dopo il canale, la cui pendenza è importante, dà un tocco di “ingaggio” che non guasta affatto. Senza saperlo noi siamo andati verso il lato N della parete, mentre Eraldo era salito subito, a sx, appena uscito dal canalino. Cambia nulla, la parete può essere interpretata come lo si desidera a secondo dell’nnevamento o al proprio istinto.
L’avvicinamento è stato per me un bel “massacro” tutto da tracciare se si esclude il tratto di pista da fondo. I pendii che precedono l’attacco alla parete erano ben innevati e in alcuni tratti sprofondavo sino quasi all’inguine…meno male che ero con i “trattori” Alain & B.O.B. i quali mi hanno tracciato tutta(!) la parete…io da zecca-allegro parassita succhiasangue-non ho potuto fare altro che “zeccare” la traccia sino in punta.
Discesa su nevi mediamente buone, alcuni tratti ottimi-zona alta- altri un pò meno-zona canalino e zona bassa.
Discesa strana, da prendere quando è innevata (e sicura). Un Est…ma la zona bassa risente dell’influenza termica delle rocce-soprattutto il canalino-e la neve si trasforma parzialmente e poi rigela in superficie, mentre in alto tende a rimanere più fredda e quindi farinosa. Per questo la neve difficilmente sarà “tutta bella” come capita per altre discese.
Però una bella linea…da fare almeno una volta.
Per noi una bella giornata, terminata con la solita tavolata da Giovanni a Pietraporzio
Du bon ski…

Link copiato