Pierre Muret (Tète) dalle Grange Mouchecuite

Pierre Muret (Tète) dalle Grange Mouchecuite
La gita
jdomenico
5 18/04/2010
Accesso stradale
Senza fuoristrada solo fino al bivio poco dopo Rochemolles
Osservazioni
Nessuno
Neve (parte inferiore gita)
Primaverile/trasformata
Quota neve m
1500

Forse anche per merito del rigelo notturno (0° alla partenza alle 6:30), gita in ottime condizioni per le racchette: tanta e portante nel bosco (anche in discesa), sovente senza fondo ma poca in alto (sicura). Il tratto più ripido è nel bosco, dopo, percorrendo il bordo ovest del pendio, pendenze non così tremende, soprattutto con il tipo di neve presente oggi. Infatti la classificherei BRA, con la ‘A’ dovuta all’ultimo breve tratto per raggiungere la croce, un po’ esposto (F+), dove abbiamo usato ramponi e picozza, soprattutto per far presa sul fondo pietroso. Dal meteo oggi non si poteva pretendere di più: sereno alla partenza, nuvole in arrivo dalla Francia ma buona visibilità dalla vetta, anche se ha spruzzato un po’ di nevischio, ma poi si è riaperto. Temperature fresche, soprattutto in cima, che hanno mantenuto la neve portante nel bosco anche in discesa (io sono sceso senza racchette!).

Ottima compagnia di Andrea72, che anche stavolta ha azzeccato la gita e mi ha dato sicurezza sul tratto finale. Azzeccato anche l’itinerario: per la strada fino alle Grange Mouchecuite, poi leggermente a dx per le Grange LaCroix, poi lasciata la sterrata per la Valfredda, saliti nel bosco sempre tendendo leggermente a dx: in questo modo si arriva a lambire il crestone OSO che scende dalla vetta, che è già ben visibile e… sembra ben più vicina di quel che è!

Link copiato