Pian della Casa (Cima di) dal Gias delle Mosche

Pian della Casa (Cima di) dal Gias delle Mosche
La gita
matte978
3 27/07/2013
Accesso stradale
parcheggio a Gias delle Mosche

Gita ad una parte della Comba Genova non frequentatissima, così come la vetta. Effettuata in salita come descritta sotto. Dall’ex postazione di caccia (al ritorno) lungo traverso (segnato con bolli giallo/rossi) fra enormi pietraie fino al sentiero classico per il Bozano.
Descrizione salita:
da Gias delle Mosche (1591m) si sale rapidamente nel bosco fin oltre il Gias del Saut e poi ancora nell’ampio fondovalle soprastante fino a raggiungere il Gias Mesdì (2070m). Il sentiero compie qui un deciso tornante verso sx, mentre occorre invece abbandonare il sentiero e seguire a dx bolli gialli e ometti che seguono la sponda dx idrog. di un ruscello per arrivare, oltre alcune rocce ed erba, ai piedi di un ampia pietraia (2150 ca.). Ad un tornante, dove i segnavia diventano giallo/rossi, si abbandona il percorso fin’ora seguito per procedere a dx lungo una vaga traccia segnata da ometti che risale gli sfasciumi ai margini di una valletta (da qui VEDI FOTO). Più sopra si incontrano resti di una vecchia mulattiera che si alternano a tratti a zig zag più sconnessi fino a quando si raggiunge una zona più consolidata dove si incontrano alcuni larici. Da qui si prosegue più agevolmente lungo i resti della mulattiera incontrando nuovamente i segnavia provenienti dal Rif. Bozano, in vista di una palina segnaletica posta su un modesto dosso di erba e rocce. Senza raggiungerlo si prosegue a dx entrando ben presto nel vallone sottostante la Bassa della Madre di Dio: proseguendo lungo i segnali giallo/rossi (resti di neve fino a stagione inoltrata) si attraversa rapidamente il vallone fino a portarsi sotto la tonda sommità della Cima Pian della Casa. Con alcuni diagonali fra magra erba si raggiunge il dentellato spartiacque su cui si apre la Bassa della Madre di Dio (2450m). Tornati poco sotto il valico si prende alla ns sx un canalino di rocce e detrito che, con un po’ di attenzione, porta verso la cresta di grosse lame e blocchi. Una volta raggiunta la cresta, con più sicuro procedere, si raggiunge la cima lungo quest’ultima o leggermente bassi sulla destra (2480m).

Tempo splendido, neanche una nuvola.

Link copiato