Péas (Col de) da Cervieres, giro del Pic de Rochebrune

Péas (Col de) da Cervieres, giro del Pic de Rochebrune
La gita
savarino
5 11/10/2008
Equipaggiamento
Full-suspended

Estratto da relazione di Bottalo su mtb Peverada
Da Cervières si risale al Colle dell’Izoard (m 2360), si scende poi per circa 3 km fino a quota 2200 circa all’altezza di una piazzola molto panoramica sull’anfiteatro desertico dall’aspetto quasi dolomitico della “Casse Deserte”. Sul lato opposto della strada si stacca in diagonale il pedalabile e ottimo sentiero della G.R. 58 che taglia e risale inizialmente l’ombroso “Bois Noir”. Dopo 1,5 km dall’inizio in ambiente più aperto si arriva ad un bivio che, con una non lunga risalita, in parte con la bici al fianco, si raggiunge la conca che ospita il Lago di Souliers .. Una volta raggiunto il Lago si scende per il sentiero che scollina verso Est e inizia una lunga discesa che salvo un breve tratto un po’ troppo ripido, si fa tutto in sella alla bicicletta . Più sotto ci si ricongiunge al sentiero che scende dal Col Tronchet e più in basso una stradina ci conduce dritti al piccolo centro di Souliers Per il Colle di Péas si sale direttamente per il sentiero che parte in forte salita a monte del posto tappa del G.T.A.; entra subito in una grande pineta e con alcuni regolari e lunghi tornanti ancora volendo in parte e con fatica ciclabili, guadagna rapidamente quota. Più in alto dopo circa 300 metri di dislivello il sentiero si addentra a mezza costa tenendosi alto nel Vallone di Peas, diventando adesso più facilmente e per lunghi tratti ciclabile. Nella parte finale la pendenza aumenta di nuovo e bisogna nuovamente spingere la bici fino in prossimità del Colle, ma sempre in maniera abbastanza agevole bella la vista dal colle sulle montagne del Queyras, e finalmente si vede anche la cima vera e propria del Pic di Rochebrune; ma vista da qui con tutta una serie di contrafforti rocciosi sovrapposti e intersecati tra loro, non ricorda l’elegante e ardita cima che di solito vediamo dal versante italiano. Discesa molto bella e solo per un breve tratto ripido, e dal fondo ricoperto di detriti instabili bisogna scendere con la bici al fianco, poi è tutta una lunga discesa attraverso valloncelli e praterie Quando appaiono le caratteristiche case di “Les Fonds” siamo ormai a buon punto, non resta poi che la facile e rilassante discesa nella stupenda Valle di Cerveyrette per ritornare in circa 12 km al punto di partenza. Da Les Fonds volendo possiamo ancora fare 3-4 km di sterrato su una stradina che costeggia il torrente tenendoci sulla sinistra idrografica della valle Cerveyrette.

Con Aldo

Link copiato