Palù (Piz), Cima Orientale Cresta Kuffner

Palù (Piz), Cima Orientale Cresta Kuffner
La gita
beppevalpaniscia
5 18/07/2010
Accesso stradale
ok

Nessun problema lungo l’avvicinamento sul ghiacciaio,( partenza ore 5.30 circa) anche se lo zero termico era a 3400 m. circa, i crepacci più insidiosi sono abbastanza visibili e prevedibili anche con tempo nebbioso come questa mattina. Salendo dalla normale per il Piz, dopo aver superato il primo tratto ripido e crepacciato, si arriva ad un grande pianoro, quì si abbandona la traccia dirigendosi a dx verso la parete dello sperone orizontalmente e si arriva circa 150 m. sopra la base dello spigolo.
Non è stato difficile trovare l’attacco grazie anche alla traccia che porta su di una cengia di terra alla base della parete sx dello sperone.
Sotto si apre un enorme crepaccio, per raggiungere lo spigolo si sale su facili gradoni per circa 15 m. poi poco sopra si affronta un passo più delicato protetto da uno spit ed in chiodo permettendo di giungere sul filo di cresta in sicurezza.
Da quì in avanti è impossibile sbagliare, basta seguire la linea di cresta senza andare sui versanti laterali.
I passaggi più dificoltosi sono ben protetti da chodi e spit, non ho mai usato più di 4 rinvii,non servono friends o nuts ma se si portano due per tipo da usare in due o tre punti su fessure da 2/3 cm è meglio.
Si può salire di conserva per la maggior parte del percorso, avendo cura di mettere delle fettuccie e cordini dove è possibile.Terminata la parte rocciosa ci sono ancora circa 200 m. di cresta nevosa a tratti ghiacciata e coperta da pochi cm di neve.
Non abbiamo usato chiodi da ghiaccio anche se in alcuni punti, per una progressione più sicura, è possibile metterli

Mentre ci avvicinavamo all’attacco, abbiamo incontrato alcune cordate che avevano rinunciato a causa del cattivo tempo,questo ci ha preoccupato non poco ma oramai eravamo quasi arrivati. Abbiamo aspettato fiduciosi in un ipotetico miglioramento, immersi nella nebbia per quasi 30 min. senza vedere assolutamente dove ci trovavamo, nel frattempo sono arrivati 4 alpinisti Camuni e poco dopo il cielo come d’incanto si è aperto mostrandoci gran parte dello sperone.
A questo punto abbiamo capito che ci trovavamo nel punto giusto e subito siamo partiti insieme ai nuovi arrivati.
Tutto è andato per il meglio, giornata memorabile e grande gioia in vetta con Valentina, Luca ed i 4 camuni che saluto con simpatia
Ps.Complimenti a Valentina e Luca per la formidabile prestazione alla loro prima esperienza di alta montagna su una via come questa.
Un saluto a tutti i partecipanti alla gita organizzata dal CAI Saluzzo, con i quali abbiamo condiviso la serata del sabato e parte della salita la domenica mattina.

Link copiato