Nona (Becca di) da Pila

Nona (Becca di) da Pila
La gita
gioepiera
5 11/10/2009

Le 5 stelle sono per la gita, la vetta e la giornata. Per le indicazioni sul percorso iniziale, direi nessuna. Saliti dal parcheggio dopo il tunnel di Pila, trovato all’inizio un’indicazione di sentiero n°16, poi scomparsa e proseguito quindi per ripide piste fino all’arrivo della seggiovia nei pressi del Lago Chamolè. Qui abbiamo lasciato gli amici del CAI di Rivoli, abbiamo passato il lago e siamo scesi per cresta sino al Colle Pian Fenetre (ritrovato il sentiero 16). Da qui scesi ancora sino all’alpe Comboè e finalmente risaliti per la Becca di Nona. Grazie alla stupenda giornata, panorami spettacolari dal Gran Paradiso alla Grivola, al Rutor, al Bianco, al Gran Combin, al Cervino, al gruppo del Rosa. In discesa passati dal Colle Carrel, dove c’è il bivacco Federigo da cui parte la ferrata per l’Emilius. Scesi dal colle di pian Fenetre, ulteriori problemi per raggiungere Pila, sempre a causa del fantomatico sentiero 16 che scompare su una stradina. Non guasterebbe qualche indicazione in più!!!

Inizialmente in compagnia degli amici del CAI di Rivoli, lasciati all’arrivo della seggiovia nei pressi del lago Chamolè. Noi con Claudio non abbiamo desistito e abbiamo comunque raggiunto la Becca di Nona, anche se questo giro ha comportato almeno 1800 metri di dislivello!

Link copiato