Noeud de la Rayette da Ruz

Noeud de la Rayette da Ruz
La gita
gianni-savoia
4 15/01/2012
Osservazioni
Nessuno
Neve (parte superiore gita)
Primaverile/trasformata
Equipaggiamento
Scialpinistica

Ma quanto è bella questa gita!
Per noi la più bella della stagione e forse la più bella dalla Val d’Aosta…
Si parte dall’auto sci ai piedi, la neve c’è ed è sicura, per buona parte della gità è trasformata e primaverile vera, e il resto è del tutto dignitosa.
La cosa importante, poi, è che tutta la gita, anche la parte più bassa, si svolge su terreni ideali, e ottimamente sciabili.
Verso la fine, si fanno a piedi cinquanta metri per guadagnare la cresta, e poi si raggiunge velocemente la croce di vetta. Non conviene portarsi gli sci, ma volendolo fare si riesce a scendere con gli assi nei piedi anche quei cinquanta metri.
La discesa è divertimento puro per uno sviluppo e un dislivello considerevoli (partire presto per non dover rinunciare all’ultimo…).
Si arriva benissimo sino a Ruz, ma a voler fare gli sborroni si potrebbe scendere fino al fondovalle.

Quindi quattro stelle (e mezza) ben guadagnate, anche per l’ambiente eccezionale.

A voler essere pistini, bisognerebbe far risaltare come NON sia normale che una gita del genere vada in condizioni il 15 di gennaio : viol dire che qualcosa veramente non va.
E del resto oggi han fatto anche il Gelè…

Con Bruna, Carlo e Edoardo.
Rampanti molto utili, piccozza utile per il tratto a piedi, ramponi non indispensabili, per ora.
-20-

Link copiato