Nera (Rocca) e Rocce Founs dal Rifugio Barbara Lowrie

Nera (Rocca) e Rocce Founs dal Rifugio Barbara Lowrie
La gita
pulici
5 19/06/2011
Accesso stradale
no problem, rifugio CHIUSO

A meno di averci capito poco, Rocce Founs sono composte da due sommità, di cui la prima (e di pochissimo più alta) è il grosso dente canino ben visibile da lontano (un passetto di II+ per salirlo, cautela in discesa se senza corda, PD) e la seconda è più arrotondata (con ometto di pietre). Da lì, per “muovere verso N” bisognerebbe fare una discesa di una decina di metri che, se non conosciuta e senza corda, appare delicata (l’aggiramento lato valle PO propone invece un traverso su cengette espostissime o una perdita di livello notevole da iniziare molto più indietro. In più, la tozza Rocca Nera (composta di pietrame giallo) appare di quota meno elevata dei Founs. Insomma, la descrizione dell’itinerario, copiata da Avondo, In Cima, mi consta incompleta e inesatta. Due guadi rilevanti: fare attenzione sul primo, mentre sul secondo è probabile inzupparsi ben bene gli scarponi.

Dato il predetto salto della cresta dopo la seconda sommità, sono tornato sui miei passi. Panorami con pochi rivali, con gruppo del Viso ricoperto di neve fresca. Particolarmente bello il secondo laghetto. Al ritorno avuta la fortuna di ammirare da vicino l’endemica nerissima salamandra lanzai, sebbene non fosse nuvoloso o scuro. Meteo supersonico.

Link copiato