Nasaasaaq Via Normale da Sisimiut

Nasaasaaq Via Normale da Sisimiut

Dettagli
Dislivello (m)
750
Quota partenza (m)
30
Quota vetta/quota (m)
784
Esposizione
Nord
Grado
F+

Località di partenza Punti d'appoggio
varie strutture ricettive a Sisimiut

Note
Breve ascensione incredibilmente panoramica, su questa vetta ben visibile dalla cittadina e all'apparenza inaccessibile.
Vi sono due possibilità di salita fino al colle, una più breve e impegnativa e una più morbida, entrambe comunque valutabili EE; qui viene descritta la variante più facile; dal colle invece il percorso è comune e comporta alcuni tratti di arrampicata (presenza di due corde fisse) con forte esposizione fino in cima (200m circa).
Con neve o ghiaccio ovviamente le difficoltà aumentano notevolmente.
La salita è segnalata con rari ometti e bolli blu.
Avvicinamento
Dal centro di Sisimiut raggiungere a piedi o in taxi l'estremità orientale della città, dove si trovano i campi con i cani da slitta; il sentiero parte alla fine della strada, nei pressi di un lago che fornisce acqua alla città; il primo tratto è in comune col percorso del famoso "Arctic Circle Trail".
Nei mesi invernali il primo tratto è battuto da gatti delle nevi e motoslitte, fino alla partenza del piccolo impianto sciistico.
Descrizione

Proseguire lungo la strada sterrata risalendo l’ampia valle, percorrendo il primo tratto dell’arctic circle trail. Dopo alcune salite e tratti pianeggianti si giunge in vista di un piccolo impianto sciistico; senza raggiungerlo, si cerca la traccia che verso dx lascia la strada a si inoltra verso nord, fino ad aggirare una dorsale piegando decisamente verso ovest in un vallone. Si risale il vallone su terreno accidentato, fino a mettere piede su una ripida morena che si abbandona in corrispondenza di alcuni grossi blocchi per salire come meglio si riesce direttamente sulla dorsale a dx. Raggiunta la sommità di questa dorsale, la si segue verso ovest fino a raggiungere un ampio colle caratterizzato dalla presenza di un grosso masso. Verso ovest è possibile vedere una valletta sospesa: da qui arriva la variante difficile, che parte dal lago e risale più direttamente il versante nord della montagna; da questo punto il percorso è comune ai due itinerari.
Per raggiungere la cima non c’è un percorso obbligato, si percorre la cresta inizialmente ampia e quando questa diventa troppo affilata si sfruttano alcune cenge sul versante nord per aggirarne i punti più ripidi. Si giunge poi ad un tratto esposto e ripido che si supera con l’aiuto di una corda fissa; si percorre un pezzo esposto nei pressi di una breccia sulla cresta a cui segue una cengia e un secondo tratto di roccia verticale, che si supera in un diedro-camino con l’aiuto di una corda fissa (3-4 metri); da qui si perviene sulla cresta sommitale dalla quale, superata una breccia, si raggiunge la cima.
Discesa per il medesimo itinerario oppure dal colle seguendo il percorso più diretto compiendo un anello.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
matteo-bosco
16/11/2018
3 anni fa
Link copiato