Morion (Mont) da Lignan, giro per Col du Salvè

Morion (Mont) da Lignan, giro per Col du Salvè
La gita
lucabelloni
5 28/08/2021
Accesso stradale
Ampio parcheggio a Lignan
Equipaggiamento
Full-suspended

Gita sociale CAI Pianezza con 14 partecipanti. Partenza alle 9,15 da Lignan con temperatura decisamente frizzante (+9°). Abbiamo fatto praticamente lo stesso percorso da me già recensito un anno fa con le seguenti varianti:
– Alla partenza, anziché scendere su asfalto fino al primo bivio, siamo scesi per il sentiero 4 che parte circa 500 m sotto Lignan e che termina sulla strada asfaltata circa 700-800 metri più in basso del suddetto bivio, dovendo quindi aggiungere 40-50 m di dislivello. Il sentiero è molto bello e pressochè tutto ciclabile, con solo un paio di passaggi impegnativi…peccato per i due attraversamenti di recinti per gli animali che costringono a scendere di sella e a qualche acrobazia per far passare le bici;
– Dopo qualche Km di salita, mi sono completamente fumato il bivio sulla destra dove si prende lo sterrato e siamo quindi finiti a Praz; cmq non tutto il male vien per nuocere…da Praz c’è un bellissimo single track che in pochi minuti riporta sulla retta via, al prezzo anche qui di 40-50 m di dislivello aggiuntivi:
– Questa volta non siamo andati fino al Rifugio Magià, deviazione che di fatto fa perdere almeno 40-50 minuti

Per il resto nulla di particolare da segnalare…giro sempre bellissimo e molto vario. La prima parte di salita non è molto impegnativa ad eccezione di alcune brevi rampe e il vallone è stupendo; una volta tornati a Porliod si affronta la seconda parte che è decisamente più dura con diversi tratti in cui le pendenze superano abbondantemente il 10-12%; comunque il fondo è quasi sempre buono e si fa tranquillamente in sella. Il tratto di portage/spintage è breve (non più di 10-15 minuti) e non particolarmente scomodo. A mio avviso conviene spingere la bici anziché portarla a spalle in quanto qua e là si riesce a pedalare un po’. Poi, superato il bivio per il Rifugio Cuney, l’ultimo traverso per il colle è ciclabile praticamente al 100%.
La discesa sul sentiero 11B presenta qualche tratto impegnativo nei primi 150 m di dislivello, poi poco sotto il lago diventa facile e scorrevole, e comunque bellissima. L’attacco del sentiero all’alpeggio Tsa Fontaney con l’erba bassa è abbastanza visibile ed è in corrispondenza di un ponticello di legno dismesso. Sentiero facile ma comunque non banale e tutto da guidare, interamente fattibile in sella e fondo ottimo anche se in più punti inizia ad essere un po’ inconsistente vista la perdurante mancanza di pioggia. Attenzione anche qui a un paio di recinti per il bestiame, che comunque si superano agevolmente. Da L’Arset d’Amont si riesce a tagliare praticamente tutto l’asfalto e ad arrivare su single track (segnavia 105) fino poco sotto Venoz, poi da qui in 5 minuti su asfalto si torna alle auto.

Gita bellissima e ottima compagnia come sempre; meteo buono anche se ogni tanto qualche nube faceva capolino, e la temperatura era decisamente fresca. Incontrato due bikers al colle e qualche decina di escursionisti sulla strada per il Rifugio Magià…nella parte alta quasi nessuno.

Link copiato