Monfandì e Parej del Magnin da Pianetto

Monfandì e Parej del Magnin da Pianetto
La gita
gianni-savoia
5 05.09.2020
Accesso stradale
Parcheggio ampio alla chiesa di Pianetto
Traccia GPX
TODO: accedi o registrati

Bella gita, consigliabile agli amatori di percorsi selvatici e poco frequentati.
Tutto il vallone è molto bello e da quando si lascia il sentiero al bivio del Colle della Buffa il percorso va ricercato. In salita sono passato sulla destra (sx orografica) fra pratoni, pietraie a grandi massi e rocce montonate, trovando pochi segni e qualche ometto, salendo dal laghetto basso sin verso quelli alti.
In discesa ho poi trovato una serie di segnalazioni più continue alte sulla sinistra (dx orografica) ma qui tutto sommato il terreno è meno agevole e forse consigliabile più che altro a scendere. Dopo l’ultimo lago (anche tagliando un po’ prima in ascesa verso sx) si sale verso il colletto a destra della vetta con qualche breve tratto in cui usare le mani prima del colle. Poi, rapidamente sulla vetta molto panoramica.
Tornato al colletto sono andato facilmente per cresta a visitare la vetta del Parej del Magnin che offre qualche scorcio piacevole verso Canaussa e da questo sono sceso direttamente con percorso che mi è parso più facile rispetto alla salita al colletto, ricongiungendomi in basso col percorso di salita.

Ancora non mi è chiaro quale sia la sella giusta per entrare nel vallone; se sia cioè la prima che il sentiero raggiunge dopo il traverso a destra o quella cento metri più in alto dopo il bivio per la Buffa.
A leggere le relazioni sarebbe la prima, ma la carta indica inequivocabilmente la seconda, e ambedue hanno tracce di passaggio. Probabilmente si equivalgono, ma io sono passato da quella alta che prevede una risalita al ritorno.
In generale bel gitone, in ambiente bucolico, ancora con mandrie e greggi alla baite di Arlens.
Fino al bivio del colle della Buffa il sentiero è stato recentemente ritracciato.

Link copiato