Maurin (Punta) da Usellieres

Maurin (Punta) da Usellieres
La gita
brunello-56
5 06/08/2011
Accesso stradale
In autobus a Valgrisenche

Escursione eccezionale, ma da effettuarsi in una giornata con il meteo a favore, altrimenti in giornate come quella di oggi diventa una lotta contro il tempo (in tutti i sensi). Partito con nuvolosità bassa ed intensa ma con tutte le creste libere, con ogni tanto anche uno sprazzo di sole, appena toccata la vetta il vento ha portato nubi dal basso che hanno oscurato i valloni e ridotto la visibilità, invitando ad accelerare la discesa.
La salita si svolge senza problemi fino al colle del Lago Nero, con un sentiero imperdibile ed in un ambiente spettacolare. Dal colle penso che la salita più agevole per la vetta parta dai laghetti; io ho puntato lungo la massima pendenza, ma i percorsi prima o poi si ricongiungono. La salita è agevole se ci si mantiene sulla pietraia con i sassi più grandi, molto stabili; evitare se possibile i tratti su terreno fino, molto più franosi. Arrivati in vista del canale che porta in vetta, mantenersi a ridosso delle rocce sulla sinistra.
Discesa invece senza problemi, lungo un qualsiasi percorso a scelta. Penso sia possibile anche la discesa integrale lungo la cresta Sud che congiunge la vetta con il colle.
Escursione allungata di almeno un paio d’ore, avendo optato per la partenza (ed il ritorno) da Valgrisenche. Andata passando per l’Alpe di Saxe Ponton, ritorno dal Rifugio Bezzi.
Giornata tutto sommato asciutta, con pioggia solo a Valgrisenche alla partenza ed al ritorno. A parte le due escursioniste incrociate in discesa al bivio dei sentieri 12 D-E, nessun altro sul sentiero.

Un grazie all’escursionista, diretto al Bezzi ma senza prosecuzione per il Benevolo, per lo strappo fino a Surier: un quarto d’ora di asfalto in meno a piedi.

Link copiato