Mafalda (Punta) – Cresta Savoia Spigolo Nord-Est

Mafalda (Punta) – Cresta Savoia Spigolo Nord-Est
La gita
attila89
3 05.06.2020

Contare circa 3 ore e mezza di avvicinamento, utili i ramponi per risalire sui nevai duri al mattino. Non abbiamo trovato chiaramente l’attacco (a posteriori sembrerebbe partire bene a destra), siamo saliti slegati sopra al pino mugo e abbiamo individuato due chiodi (il primo poco infisso), quindi abbiamo attaccato lì, traversato a sinistra nel diedro, riattraversato a destra e poi seguito verso sinistra con passaggio su masso staccato. Da qui, placca delicato e diedro fino ai pinetti dove la via Gogna e la via Grassi si biforcano (quindi ci siamo arrivati in due tiri da 45-55 metri). Fin qui ci sono circa 6-7 chiodi, utili più che altro a segnare la strada da percorrere.
Poi volevamo attaccare lo spigolo (via Grassi) ma a causa di un disguido abbiamo preso un vago speroncino a destra e siamo usciti sulla cresta dopo tre tiri, seguendo il facile.
L’ambiente è molto bello e la roccia a tratti è molto bella (stile Sialouze o le vie classiche della aiguille Dibona). Bisogna anche dire però che alcuni passaggi si effettuano su blocchi staccati o appoggiati alla parete, e che le fessure per proteggersi non sono ovunque numerose. Prepararsi anche ad avere dubbi di itinerario. Considerare anche che il telefono prende solo alle Terme…
Avevamo chiodi e martello ma non li abbiamo usati.
In discesa abbiamo trovato cordini su uno spuntone e abbiamo seguito una linea di doppie che ci ha portato su una cengia non innevata da cui siamo riusciti a scendere agevolmente. Cresta leggermente sporca di neve ma per quel che ho visto, percorribile.
Vale la pena fare tutto l’avvicinamento per 5 tiri? Secondo me, in giornata è un bel giro in montagna, ma non memorabile. Dormendo al Questa la questione cambia, e si può anche pensare di concatenare la salita con la traversata della cresta Savoia.

Con Trilly in versione Rocky Balboa dopo un incontro di 15 round – fattore 2
A occhio, la cresta dell’Argentera è stata ben imbiancata dall’ultima perturbazione.

Link copiato