Lys (Paroi des) Le Haut dans le gaz

Lys (Paroi des) Le Haut dans le gaz
La gita
maigol
5 11/07/2014

Torniamo su questa parete a un anno di distanza dalla salita di
La troisieme génération, per provare questa via un po’ più dura alla sua sinistra, che si preannuncia stupenda. Non troviamo l’attacco, e per disperazione facciamo il primo tiro di Rouge desir, pensando che possa essere in comune con la nostra: in realtà è uno schiaffone di 6b+ che ci induce a calarci dalla prima sosta. Il vero attacco è praticamente nel canale, sulla sua faccia di destra, e si vede pure un po’ sbiadito il nome scritto alla base!
Davvero un bel viaggio, sospesi nel vuoto dall’inizio alla fine. Al termine del 4 tiro, si attraversa la gengia, e ci si ferma a una sosta di calata dall’altra parte per recuperare il compagno, oppure si scende subito direttamente ancora 5 o 6 metri per raggiungere la partenza del quinto tiro: da qui la musica cambia…il tetto non è difficile (non più di 7a, secondo me), una volta capito il trucco, ma la vera difficoltà di farlo in libera è mettere anche i due rinvii nel mezzo del movimento! Settimo tiro gioiello della via. Qui consiglio di portarsi un friend medio-piccolo da mettere nella fessura a metà, per proteggere un passo un po’ delicato sotto uno spit. Poi ci si deve spostare decisamente a sinistra: lo spit è oltre lo spigolo e non lo si vede. Dopo L8 giù con due doppie sulla cengia: una verso un albero, l’altra verso la sosta di calata incontrata alla fine di L4. Da qui due doppie fino a terra. Via consigliatissima e ben spittata, ma obbligatorio 6b.

Con Claudio

Link copiato