Loson (Punta) Versante Ovest, couloir di destra

Loson (Punta) Versante Ovest, couloir di destra
La gita
enzo51
4 05/05/2019

A titolo di informazione all’uscita del secondo tiro una sosta c’era allestita di fresco dal sottoscritto appena il giorno prima..e che deve essere sfuggita all’attenzione di chi ha ripetutto la via il di’ seguente..(vedi foto)..nel qual caso non dovesse essere sufficiente, rinforzarla e’ possibile ,in quanto posto per affigere altri chiodi c’e ne’..la fessura e’ lunga..detto questo..anche in questo caso un bel canale, che non poteva sfuggire all’occhio attento degli esperti di questa disciplina..mi riferisco ai primi salitori..non lungo nell’insieme ma gia’ di un certo impegno nel tratto iniziale.
Salita dal canale classico di poco a sx..puntatina in vetta come di rito..ricerca del canale “novita’ del momento”..individuato grazie alle peste ancora visibili di Marco e Alberto di solo due giorni prima..discesa facile fino al punto dove urgeva mettersi in sicurezza, con la preparazione della sosta per la calata in doppia, e successiva risalita della goulotte sicuro cosi di non volare grazie a una corda a garantire sicurezza e divertimento assieme… Ghiaccio spaccoso ricoperto da un sottile strato di fresca..cmq godibile..l’operazione verra’ ripetuta alla lettera anche per il tiro sotto..il piu’ breve, ma anche il piu’ difficile..stavolta su chiodo gia’ esistente (quello ben visibile in dettaglio nel report dei primi salitori), che ho rafforzato con cordino d’abbandono al seguito..non resta con questa doppia la seconda anch’essa di una 25na di metri che uscire dal canale, e provare a cose fatte anche se in maniera insolita..una certa soddisfazione..del resto quando non si puo’ fare che leva su se stessi..su certe difficolta’ dove procedere in sicurezza e’ fondamentale, ci si arrangia come si puo’..il detto far di necessita’ virtu’ ha qui’ un suo senso..
Spolverata al mattino a rendere scivoloso e impegnativo l’approccio..piu’ nessuna traccia della neve della notte al rientro da quest’ennesima fatica solitaria..l’uomo e la natura a confronto..

Link copiato