Jervis Guglielmo (Rifugio) da Chiapili di Sotto per la Balconata Baretti

Jervis Guglielmo (Rifugio) da Chiapili di Sotto per la Balconata Baretti

Dettagli
Dislivello (m)
613
Quota partenza (m)
1667
Quota vetta/quota (m)
2280
Esposizione
Nord
Grado
E
Sentiero tipo, n°, segnavia
bianco/rosso

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio Guido Muzio

Cerca in questa area
2 proposte Vedi tutte
Note
Variante per raggiungere il rifugio Jervis che si collega al sentiero proveniente da Chiapili di Sopra.
Nonostante sia un sentiero di recente tracciatura lo scarso passaggio di escursionisti ha favorito un rapido infoltimento della vegetazione in alcuni punti dell'itinerario
Avvicinamento
Da Ceresole seguire la strada per il Colle del Nivolet.
Superare la pista da sci di Chiapili di Sotto ed il rifugio Guido Muzio e lasciare l'auto nell'area parcheggio di fronte all'area di sosta pullman, dove si trovano delle piccole costruzioni del Politecnico di Torino
Descrizione

Dal parcheggio attraversare la strada, superare il ponte e proseguire a sinistra in piano seguendo il corso del torrente Orco.
Il sentiero piega quindi a destra e si porta ai piedi del salto roccioso della Balconata Baretti.
Salire nel bosco seguendo i segni mantenendo la sinistra senza spostarsi troppo verso la Balconata, quindi si reperisce una traccia più marcata che con diagonale ascendente punta decisamente verso sinistra dietro ad un costone e prende a salire in maniera continua.
Usciti dal bosco ci si trova nel prato sottostante all’Alpe Rive.
Portarsi all’altezza della baita e seguire la traccia ben segnata da bolli di vernice che si sposta nuovamente a sinistra e poi prende a salire con diverse svolte.
Il tracciato in questo tratto sta iniziando ad essere invaso dalla vegetazione ma recenti passaggi di bestiame e la presenza dei bolli lo rendono ancora seguibile con facilità.
Dopo aver superato un piccolo ruscello si esce dalla fascia più folta di vegetazione e si intercetta il sentiero di Chiapili di Sopra, indicato da un segnavia di legno.
A questo punto il sentiero torna ad essere evidentissimo (sottoposto a sfalciatura nell’agosto 2013 per la competizione Royal Ultrasky Marathon) e sale tra placconate rocciose fino a giungere ad un piccolo gruppo di case utilizzate in passato dagli operai dell’AEM.
Si supera un torrente proveniente dal ghiacciaio del Nel (in certe stagioni può essere molto gonfio d’acqua, se si trovano difficoltà ad attraversarlo salire alcuni metri in direzione delle Levanne fino a trovare una piccola passerella) e si prosegue con alcuni saliscendi fino a portarsi in vista del rifugio, che si raggiunge dopo una breve discesa.

SCORCIATOIA : se si vuole evitare il passaggio nei tratti invasi dalla vegetazione giunti all’Alpe Rive salire nel prato soprastante a sinistra di uno spuntone di roccia.
Seguendo il più possibile la linea di massima pendenza si intercetta il sentiero proveniente da Chiapili di Sopra

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
IGM Foglio 41 III NE Colle del Nivolet
fededem88
01/06/2020

Nelle vicinanze Mappa

12 mesi fa
5 anni fa
8 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Stazione Meteo 1581m 2.8Km

Ceresole Villa

Stazione Meteo
Webcam 1150m 7.7Km

Groscavallo

Webcam
Link copiato