Ippodromo

Ippodromo

Dettagli
Quota vetta/quota (m)
12
Altitudine (m)
220
Lunghezza min (m)
12
Lunghezza max (m)
20
Esposizione
Sud-Est
Grado minimo
dal 5
Grado massimo
al 7b

Località di partenza Punti d'appoggio
varie strutture ricettive a Cisano S.N. e Castelbianco

Note
Falesia piccola (14 tiri non molto lunghi), ma divertente e varia: c'è un primo settore in basso dove vi sono i tiri più facili su un muretto verticale e un secondo poco sopra caratterizzato da una grottina (entrateci e capirete il perché del nome...?) e muro strapiombante. La roccia è il calcare della valle, ma qui meno compatto e più lavorato a grossi buchi, concrezioni e qualche canna. Arrampicata nel complesso abbastanza atletica su prese buone.
Chiodatura recente (2016), corretta ma esigente e soste con moschettone di calata rapido.
La base della falesia è molto spaziosa e comoda, ma il sentiero d'accesso è piuttosto ripido perciò la frequentazione con bambini è da valutare.
In ombra al pomeriggio.
Avvicinamento
Da Albenga raggiungere Cisano Sul Neva, superare l'abitato e proseguire in direzione Garessio; una volta superata la frazione Martinetto svoltare a sx imboccando così la Val Pennavaire. Percorrere la SP14 che risale la valle per circa 3km dal bivio, fino a raggiungere un gruppo di case (loc. Canavai/Cianea); parcheggiare sensatamente a bordo strada (pochi posti) prima delle case, avendo cura di non occupare posteggi privati né bloccare accessi ad orti e simili.
Superare a piedi le case e reperire sulla dx (salendo) un sentiero che inizia con alcuni gradini in cemento accanto ad una casa e diventa poi una ripida traccia tra le fasce; circa 10/15 minuti dall'auto, ometti e cartelli per indicare il sentiero.
Descrizione

Le vie da sx a dx:

1-NEWSTAR 4c
2-FURIA 5a
3-CREVALCORE 5b
4-SHABLY 6b
5-UNIKA 6c
6-GOLD E AGLE 7a
7-BARONCINI 7b
8-RIBOT 7a
9-DELFO 7a+
10-VERENNE 7a
11-NADALSHEBA 6c
12-TORNESE 6b+
13-DAIANO 6b+
14-MORZILLO 6b+

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Falesia ripulita e chiodata da Dinda e dall'Associazione Rocpennavaire nel 2016.
Bibliografia:
Roc Pennavaire, Ed. Il Geko, 2018.
matteo-bosco
18/11/2018
3 anni fa
Link copiato