Invergneux (Colle) da Cogne, giro valloni Urtier – Grauson

Invergneux (Colle) da Cogne, giro valloni Urtier – Grauson
La gita
mbourcet213
5 07/08/2022
Accesso stradale
Parcheggiato sulla strada per Gimillan di fronte alla Guardia Medica, ottima posizione in quanto si prende subito la strada sterrata che sale nel vallone Urtier e in discesa si arriva esattamente all'auto
Equipaggiamento
Full-suspended

L’idea era quella di salire la Tersiva facendo il giro qui descritto per l’Invergneux classico anzichè salita e discesa dal Grauson.
Purtroppo le previsioni meteo sono andate via via peggiorando e sono state rispettate a pieno. Una volta giunti al passo abbiamo sceso il primo pezzo di sentiero, stratosferico, fino al bivio per il bivacco Glarey-Muggia e la Tersiva. Abbiamo ricominciato quindi a salire passando vicino al bivacco e proseguendo sulla morena un tempo occupata dal ghiacciaio Tessonet fino a quando il cielo si è completamente chiuso minacciando pioggia. Per non tornare a casa a mani vuote abbiamo deciso di risalire la cima innominata quotata 3220 m che si innalza proprio di fronte all’imponente cresta sud ovest della Tersiva, scelta azzeccata in quanto lasciando le bici al bordo del ghiacciaio si sale abbastanza in fretta e si gode di quel po’ di panorama che il meteo ci concede oggi!

Tempo di una foto e comincia a grandinare fine, giriamo quindi i tacchi velocemente e ci fiondiamo in discesa a recuperare le bici, poi caratteristica discesa tra i massi tutta in sella e giù per il sentiero di salita molto bello fino a tornare al bivio dal quale proseguiamo la discesa classica dell’Invergneux godendoci un metro dopo l’altro tutto il bellissimo single track. Chiusura col botto arrivati a Gimillan vediamo sul GPS una traccia che parte da una passerella con scala in ferro, nominato 6B, la scala ovviamente si fa a piedi con la bici in verticale essendo molto stretta ma dopo una serie di tornantini stretti e ripidi che lasciano presto spazio ad un ultimo tratto flow per riprendere l’asfalto appena sopra Cogne, chiudendo l’anello.

Peccato per non aver raggiunto la Tersiva, anche se partivamo coscienti delle problematiche relative al meteo a quella quota. Giro strepitoso che facevamo per la prima volta e contrariamente a quel che penso solitamente dopo le gite spero di tornare a farlo perchè merita davvero!

Con Gabriele, incontrati Andrea e Arianna in discesa con cui abbiamo condiviso parte del bellissimo sentiero e soprattutto una birra a fine giro, buona il doppio visto che ha iniziato a diluviare mentre eravamo al bar con le gambe sotto al tavolo

Link copiato