Il Droide Arto destro Olandese volante + Funi d’oro, manici di jumar, pomi d’ottone

Il Droide Arto destro Olandese volante + Funi d’oro, manici di jumar, pomi d’ottone

Dettagli
Altitudine (m)
1550
Dislivello avvicinamento (m)
331
Sviluppo arrampicata (m)
100
Esposizione
Est
Grado massimo
6a
Difficoltà obbligatoria
5b

Località di partenza Punti d'appoggio
Albergo Savoia

Note
Approfittando del vallone incredibilmente asciutto e dell'umore giusto per una solitaria, ripeto questa bella combinazione "di corsa", che avevo parzialmente attrezzato nel 2000 e poi risistemato 4 mesi fa con Nazzarena.
Autoassicurato solo nel 2° tiro
Descrizione

L1: attaccare l’evidente pilastro che costituisce “l’arto destro” del Droide dove questo forma un diedro articolato (spit visibili)5c. Sosta 1 su 2 spit
L2: gran traverso in placca a sinistra, facile ma con 1 solo chiodo 4a, poi diedro fessurato e atletico interamente da proteggere 6a. S2 su 1 chiodo e 1 spit
L3: breve lunghezza lungo un facile diedro aperto e fessurato, poi muretto verticale(1 spit)4c. S3 su un “europe” Raumer

Discesa: dal plateau sommitale andare qualche metro a sinistra e reperire le calate di Arto Sinistro grazie alle quali si torna agevolmente alla base

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
IGC serie Monti n° 103
Bibliografia:
Vallone di Sea, un mondo di pietra di Marco Blatto, Vivalda Editori
block65
30.07.2011
9 anni fa
10 anni fa

Condizioni

Link copiato