Gross Leckihorn da Realp

Gross Leckihorn da Realp
La gita
emanuele_80
5 08/03/2014
Accesso stradale
strada pulita fino a Realp, parcheggio a pagamento
Osservazioni
Visto valanghe a pera esistenti
Neve (parte superiore gita)
Primaverile/trasformata
Neve (parte inferiore gita)
Crosta da rigelo portante
Quota neve m
1000

Gitone stupendo. Partito da Realp alle 7.00 dopo aver tribolato con un bastoncino che non si apriva, ho messo quasi subito le racchette, appena imboccata la stradina parallela alla ferrovia. Arrivato al bivio con la scelta del percorso, ho optato per il sentiero invernale, seguendo gran parte degli scialpinisti. La neve è portante e c’è una bella traccia anche se quasi tutti si dirigono agli Stotzigen Firsten. Raggiungo Oberstafel, l’ampio vallone ai piedi della Rotondohütte è davvero bellissimo e davanti a me ho la meta battuta dal vento. Arrivato al Leckipass, il vento si fa molto forte, salire ora è fuori discussione, perciò mi dirigo verso la vetta del Rottällihorn, facilmente raggiungibile dal passo. Arrivato in cima niente vento ed un buon numero di scialpinisti che stanno salendo. Nel frattempo sul Gross Leckihorn il vento si placa un po’ per cui decido di ridiscendere al passo e salire in cima. Ultimo pendio fatto con le racchette ma consiglio i ramponi (li ho usati a scendere). Solo io e Zeus in cima tra raffiche di vento ed un meraviglioso panorama merito della giornata tersa. Il ritorno l’ho effettuato passando per la Rotondohütte ma sempre seguendo il sentiero invernale, tutto il percorso è facile ma veramente interminabile per cui consiglio un buon allenamento (diciamo che con le racchette sarebbe ideale spezzare la gita in due giorni pernottando alla capanna). Quasi a Realp, dopo il ponte in ferro, è caduta una slavina senza però raggiungere la strada. Arrivo alla macchina ore 17.00.

Con Zeus, indomito compagno fra turbini di vento.

Link copiato