Gross e Hinter Fiescherhorn per il versante O della Fieschersattel e le creste SE e NO

Gross e Hinter Fiescherhorn per il versante O della Fieschersattel e le creste SE e NO
La gita
giancuni
5 24/04/2010
Osservazioni
Nessuno
Neve (parte superiore gita)
Primaverile/trasformata
Neve (parte inferiore gita)
Bagnata
Quota neve m
1900

Vette e paesaggi dell’Oberland Bernese; dopo parecchio che se ne parla nel nostro gruppo è giunto il momento. La parte puramente turistica: treno da Briga, Lauterbrunnen, Kleine Scheidegg dove ci fermiamo un’oretta ad ammirare la nord dell’Eiger, Jungfraujoch la stazione più alta d’Europa con un centro commerciale e donne che calzano i tacchi a spillo, ma appena attraversi la galleria e scavalchi il portone, l’aria dei quattromila, il nostro mondo.
Dal rifugio del Monch, in una splendida alba, ci siamo lasciati scivolare sulla parte alta dello Ewigschneefeld sino a quota 3300circa. Risaliti i ripidi pendii a tratti crepacciati con l’uso dei coltelli raggiungiamo la terminale completamente coperta. Ottime le condizioni del pendio/ canale che saliamo con i ramponi ai pedi seguendo la bella pedonata che ci porta alla sella nevosa Fieschersattel (3923 m).Lasciati gli sci saliamo sul filo della bella cresta, con brevi arrampicate su roccia buona e brevi pendii nevosi sui 40°. Raggiunta la parte alta, per facili roccette guadagniamo la vetta. Tornati alla sella rimettiamo gli sci ai piedi e aggirando verso est l’Hinter lo rimontiamo depositando gli sci sulla crepaccia terminale piena di neve, percorrendo gli ultimi cinquanta metri di dislivello a piedi raggiungendo la rocciosa vetta. I paesaggi esaltanti dalle due vette con i vicini Grunhorn e Finsteraarhorn a sud; Jungrfrau, Monch, Eiger a nord; i fiumi di ghiaccio che lentamente scivolano nelle valli, ti fanno dimenticare la reale stanchezza. Discendiamo l’altopiano alto su buona neve sciabile; tiriamo un bel sospiro quando raggiungiamo la parte pianeggiante del Wallier Fiescherfirn; dopo aver sopravvissuto sciando su neve pessima e bagnata tra crepacci e seracchi incombenti. Ci lasciamo scivolare sul lungo e largo ghiacciaio raggiungendo il rifugio Finsteraarhornhutte, dove ci attende un grosso boccale di birra ristoratrice.

con Celso, Lucio, Cesare. Un saluto agli amici del soccorso alpino di Genova Sestri

Link copiato