Gran Paradiso dal Colle di Montandayne per il Piccolo Paradiso e la cresta Nord

Gran Paradiso dal Colle di Montandayne per il Piccolo Paradiso e la cresta Nord
La gita
nihil
5 25/07/2020

Partiti da pravieux all’1:00, allo Chabod alle 2:50 e da lì al ghiacciaio di Montandaynè deviando a sx sulla prima morena che si incontra lungo il sentiero della normale. Risistemati alcuni ometti disastrati. Alle 6:45 al colle, dopo una parete a tratti da brivido con pochi cm di polvere su pietrisco e a tratti in condizioni da urlo su neve dura perfetta. Da lì in poi difficoltà aumentate dalle condizioni, innevamento friabile su tutti e due i versanti, in scioglimento lato Cogne nelle prime ore di traversata. Ce la siamo presa decisamente comoda sapendo che saremmo scesi dalla normale del Vittorio Emanuele, più sicura. Abbiamo proceduto in conserva medio/lunga, usando una corda da 30m.
Prima doppia obbligata a causa delle condizioni, le seguenti evitate quasi tutte disarrampicando. Usati nuts medio piccoli ed eccentrici per proteggere. Neve super molla sul Piccolo Paradiso, ghiaccio dal colle del Piccolo fino quasi allo spuntone roccioso prima della spalla della nord, variabile poi. Discesa devastante su neve marcia per quasi tutta la normale. Fatto tutta la via in ramponi.

Via meravigliosa, impegnativa e bella lunga (forse a causa delle condizioni), non oso immaginare la traversata integrale…
Complimenti all’unica altra cordata , che dopo aver fatto la parte in neve davanti a noi al nostro ritmo ha preso una velocità davvero folle sulla cresta.
Cena con minestra a dir poco orrida al vittorio emanuele, rientro notturno infinito a Pravieux.

Link copiato