Giulian (Monte) da Giordano

Giulian (Monte) da Giordano
La gita
andrea81
5 14/03/2010
Accesso stradale
qualche tratto sporco prima di Prali, ma salito senza termiche
Osservazioni
Nessuno
Quota neve m
1000

La migliore gita dell’anno, per ambiente, qualità e quantità della neve.
Partito da Giordano dietro ad un folto gruppo di scialpinisti, parte bassa fino alle baite Selle al mattino con crosta da rigelo, traccia autostradale e portantissima. Il Vallone delle Miniere merita una gita a sè talmente è bello. Fino al ponte sul torrente dei Tredici Laghi si sale poco, poi la salita si fa più tosta, e non molla mai fino alla cima.
Dopo un primo strappo nel bosco si raggiunge il bivio per la Chiarlea (ottima traccia), dove proseguendo per il Giulian, nessuno era salito nei giorni scorsi, quindi gli scialpinisti si sono fatti un bel mazzo, e io ho sfruttato il loro lavoro, seppur sprofondando leggermente. Parte alta farinosa alla grande, almeno 40 cm freschi.
Finita la fascia boscosa resta solo il pendio canale prima del colletto, che al riparo dal vento era un forno. Un po’ di crisi negli ultimi 100 m. di dislivello (i km di mountain bike di ieri si sono fatti sentire), ma finalmente raggiungo il colletto e quindi la cima, dove tira una bella bisa, ma sopportabile.
Sceso praticamente per ultimo, in compagnia del cane alpinista di Giordano, davvero un esperto del luogo. In alto la neve è rimasta asciutta, nel bosco iniziava a crostare dove più esposta al sole, mentre nella parte bassa era ormai cotta a puntino.

Solo io con le racchette, tutti gli altri con sci e 4 zampe motrici. Un saluto a tutti coloro con cui ho scambiato 4 chiacchiere e condiviso spezzoni di gita.
CONSIGLIATISSIMA

Foto su www.lafiocavenmola.it

Link copiato