Gay (Becca di) dalla Diga di Teleccio

Gay (Becca di) dalla Diga di Teleccio
La gita
rok1976
5 22/04/2018
Accesso stradale
Si arriva a tre ore di marcia dal rifugio
Osservazioni
Nessuno
Neve (parte superiore gita)
Primaverile/trasformata
Neve (parte inferiore gita)
Primaverile/trasformata
Quota neve m
1700
Equipaggiamento
Scialpinistica

Che poema epico! Ma cominciamo dall inizio: bisogna salire al pontese il giorno prima presto al mattino per evitare grosse valanghe che scaricano sul sentiero che costeggia il lago. Contare circa tre ore, di cui portage per una mezz oretta, poi sci ai piedi, ma su terreno accidentato. Becca: bisogna partir con la frontale dal Pontese, alle 5, data l esposizione est del canalone ripido. Messi i rampant subito dopo il pianoro per non toglierli più, tranne un breve tratto, fino a ingresso del canale, che si presentava in ottime condizioni! Salito coi ramponi. Cambio assetto dopo uscita canale e terreno svalangato del traverso verso il ghiacciaio pensile, messo di nuovo sci ai piedi fino al pendio finale. Salito per cresta coi ramponi e picca, potete solo immaginare il panorama: sembrava di volare! Discesa: stratosferica su tutto il percorso! Moquette, poi un po’ molle nel canale, ma molto ben sciabile (piuttosto ripido, sui 40 gradi costanti, non che il resto della gita sia in piano…:)! Poi di nuovo moquettee poi leggermente troppo molle sul pianoro, ma non fa testo… Un percorso di rara bellezza, in una zona che non da’ niente per scontato.. Un caro saluto a tutti quelli che ho incontrato, e un affettuoso ringraziamento a Mara, Tania e Nicola del Pontese, dove tutto era perfetto -pure la cameretta privata avevo – e che dire poi del torrone artigianale e della torta carote e noci?

Link copiato