Gavie (Tête de la) da Maljasset

Gavie (Tête de la) da Maljasset
La gita
ucciucci
4 28/04/2019
Accesso stradale
strade pulite
Osservazioni
Nessuno
Neve (parte superiore gita)
Primaverile/trasformata
Neve (parte inferiore gita)
Primaverile/trasformata
Quota neve m
2200
Equipaggiamento
Scialpinistica

Neve continua in salita da ca 2170 m, crosta portante fino a ca 2500 m. poi crosta generalmente non portante per tutto il pendio ripido fino quasi al colletto a 2860 ca. Neve primaverile in discesa con esposizione da SE a SO. Dopo la Bergerie de Chabriere tenersi sulla sinistra idrografica perché il sentiero lungo la destra idrografica è interrotto in più punti da frane. Attualmente non è consigliabile per scarsità di neve. Trovata in discesa neve primaverile di alto livello, a tratti tipo velluto. Tuttavia non mi spingo oltre le 4 stelle per l’alta incidenza del portage. Ambiente di rara bellezza e assai selvaggio.

Gita nata da un errore, infatti si voleva raggiungere il Mongioia ma, giunti all’inizio del piano della Blave, non trovando l’accesso ai pendii che adducono al Beal de Rubren, si decise di risalire il pendio canale al di qua dei salti rocciosi attraversando questi ultimi decisamente troppo in alto per raggiungere il Beal de Rubren. Quindi, per raggiungere una meta, si sono risaliti i pendii fino in vetta. Con, in ordine alfabetico: Alessandro, Federico, Giandomenico, Giorgio, Lorenzo e Roberta.

Link copiato