Faggi/Fò (Rocca di) Bastione Orientale Viene il Tempo

Faggi/Fò (Rocca di) Bastione Orientale Viene il Tempo

Dettagli
Sviluppo arrampicata (m)
60
Esposizione
Nord-Est
Grado massimo
5b
Difficoltà obbligatoria
5a

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Come per la via della Sentinella (v. it. n. 68921). Dal bivacco della Sentinella, però, invece di scendere all’attacco dell’omonima via, si costeggiano le prime rocce a dx dello stesso (faccia a monte) restando in quota per poche decine di metri; si raggiunge così la base di una bella placca, che fa da scudo ad un colatoio obliquo, chiuso in alto da un ceppo di quercia sempreverde (targhetta metallica e 1 fix con maillon di servizio).
Note
Breve via di stampo alpinistico, aperta sulla prima delle tre spalle rocciose sovrapposte che, nel loro insieme, compongono il bastione più orientale della c.d. Rocca dei faggi (toponimo IGM “Rocce del Crou” o “Malpasso”).
Verso la sommità, peraltro, la via converge con il terzo tiro della via della Sentinella, sulla quale si può quindi proseguire, per vincere anche la seconda e della terza spalla (v. it. 68921) .
D’altra parte, si tratta di due vie molto omogenee per grado e per filosofia. Tutte le soste, infatti, sono attrezzate con fix e anello per eventuali calate o moulinette; per il resto, protezioni miste da controllare (chiodi artigianali alternati a fix e ancoraggi naturali) con varie possibilità d'integrazione.
Descrizione

Tiro 1 – 20m
Sfruttando il margine affilato di una spaccatura, si vince un primo scudo di roccia molto ripida e compatta, in direzione di un provvidenziale gradino (V+; 1 fix e 2 ch.). Da qui si afferra la radice di una fessura, che consente di ristabilirsi su placca verso sx, e uscire infine su comodo terrazzo erboso, a monte del ceppo di quercia sempreverde (V+; 2 ch. e 1 spuntone con cordino; sosta su 2 fix con anello di calata).

Tiro 2 – 20m
Dopo essersi innalzati sul piccolo pulpito a dx della sosta, si afferra il filo un po’ aggettante del pilastrino. Si ritorna quindi sulla verticale della sosta, su rocce ripide ma ben lavorate, per aggirare poi un ultimo muretto verso dx, e raggiungere così un secondo comodo terrazzo erboso (V; 1 fix e 2 ch.; uscita da proteggere con friend medio-piccolo; sosta su 2 fix con anello di calata).

Tiro 3 – 15m
A dx della sosta si stacca un netto diedro, piuttosto profondo e ben fessurato; superato uno spuntone, si esce verso sx, prendendo una rampa obliqua un po’ nascosta, che riporta sulla verticale della sosta. Si raggiunge così la sommità della prima spalla, a poca distanza dalla terza sosta della via della Sentinella (IV e III; diedro da proteggere con friends medio-grandi più eventuale cordino su spuntone; sosta su 1 fix con anello rinforzato con abalakov).

Nota per il rientro: gli ultimi due tiri possono essere uniti sia in salita (evitando però di rinviare la sosta a pena di eccessivi atriti) sia in discesa (con un’unica calata di 30m. scarsi). In alternativa alla discesa in corda doppia, si può scendere a piedi verso levante, scovando una caratteristica cengetta con strozzatura (passo del gatto). S’intercetta così una colata di blocchi piuttosto grossi e stabili, che consente di scendere restando in riva sx orografica, e che si esaurisce poco a monte del bivacco.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Aperta dal basso nel mese di dicembre 2019, da Giovanni “Nanni” Pizzorni e Stefano “Rello” Rellini
rello
07.05.2020
5 mesi fa
9 mesi fa

Condizioni

Link copiato