Coumarial (Pian) da Fontainemore, anello delle borgate

Coumarial (Pian) da Fontainemore, anello delle borgate
La gita
passo-dopo-passo
5 06/06/2015

Istituto Comprensivo Ivrea II – Scuola Secondaria di I grado “G. Falcone”.
Scesi dal bus alla fermata di Gran Proa, attraversato il Lys sul ponte che conduce al villaggio, abbiamo costeggiato il piccolo lago artificiale per raggiungere la prima meta della nostra passeggiata: le “Gouffres de Guillemore”, un orrido scavato dal torrente, attraversato da un ponticello in pietra. L’ambiente è molto suggestivo, le antiche leggende di cui narra il pannello esplicativo contribuiscono a creare un alone di mistero. Da qui la mulattiera inizia a salire, tocca la borgata di Planaz (breve sosta di fronte alla cappella), attraversa un bosco da fiaba, per giungere a Farettaz: il borgo è molto caratteristico, con la sua cappella, con le sue case seicentesche in pietra, una vicina all’altra, e dona begli scorci panoramici sulla valle sottostante. Dopo una meritata pausa pranzo, abbiamo iniziato la discesa seguendo l’antica mulattiera contrassegnata 1B, fotografando una barma, una cappella votiva, qualche fiore dai colori sgargianti, fino al settecentesco ponte del Linguissot, che congiunge le rive dell’impetuoso torrente Pacoulla. Sempre in ripida discesa, siamo arrivati a Pian Pervero: bellissima la vasca in pietra (reca incisa la data1786) della fontana, ma soprattutto apprezzatissima la sua acqua, che ci ha momentaneamente rinfrescati dal calore cocente del sole. Giunti abbondantemente per tempo a Fontainemore, abbiamo ammirato il ponte del 1200, che ci ha condotti di fronte alla chiesa del paese. Breve visita della chiesa, sosta ristoratrice all’area verde di Niana , prima di affrontare il rientro, stanchi, soprattutto per il caldo, ma contenti.

Link copiato