Chuebodenhorn da All’Acqua

Chuebodenhorn da All’Acqua
La gita
barrosismo
3 17/02/2019
Accesso stradale
Indispensabili pneumatici invernali
Osservazioni
Nessuno
Neve (parte superiore gita)
Crosta da rigelo portante
Neve (parte inferiore gita)
Primaverile/trasformata
Quota neve m
900
Equipaggiamento
Scialpinistica

Giornata spettacolare e condizioni tutto sommato buone. 3 stelle per la media tra il tratto alto (1 stella e le 4 e mezza del resto) Partito presto da All’Acqua per evitarmi sfondamenti nella parte centrale data la caldazza annunciata. Neve dura e trasformata nel canale che porta alla Piansecco, ho montato i rampant e ci volevano eccome. Traccia di salita cancellata dalle numerose discese, si ravana un po’ ma ok. Dalla capanna si sale più agevolmente, pur con tratti di neve dura e molte tracce di ciaspole e complicare la progressione. Ho tenuto i coltelli fino al deposito sci. Arrivo al Gerenpass col panorama che si apre e vedo dei gran sastrugi verso la meta. A quota 2890 m abbandono gli sci e monto i ramponi, tanto non aveva senso sciare quella roba. Salgo dritto per dritto fino ai roccioni sotto la cima, picca non usata data la pendenza mai oltre i 35-37°. Mi godo in solitaria e in silenzio il panorama sconfinato, bellissimo. Torno al deposito sci e in assetto da discesa scendo sui sastrugi fino al Gerenpass, ‘sciata’ di sopravvivenza. Dal passo ripellata fino al Poncione di Cassina Baggio. Comunque dal passo in giù la neve è ottima trasformata e veloce, con solo qualche punto più sfondoso e qualche crosticina qua e là. Bellissimo il tratto nel canale ripido sotto la capanna, poi ho seguito il sentiero fino al parcheggio. Tanta gente in giro ben suddivisa tra le varie mete della Val Bedretto.

Link copiato