Chatelard (Pointe de) da le Collet

Chatelard (Pointe de) da le Collet
La gita
sensacugnisiun
3 26/06/2016

Innevamento ancora buono purtroppo sfruttato solo in discesa, fin poco olte i 2500. Nebbie che si alzano più tardi del previsto, quindi salendo diretti e vedendo poco sui pendii oltre il rifugio abbiamo salito un canalone di sassi e terriccio molto scomodo, soprattutto nei tratti di terra dura. Si sbuca presso un nevaio sotto l’ultima rampa per il colle da cui abbiamo seguito a sinistra (pensando di sbucare prima) un canalino di terriccio e roccette. Terreno infimo che progressivamente si impenna ma con un paio di passaggi ed una breve ma ripida rampa nevosa si sbuca in cresta infilandosi tra un roccione ed una cornice di neve. Di qui, ben alti sul colle, rinunciato alla chatelard per neve abbastanza marcia in cresta e proseguito fino ai piedi dell’ultimo dentino della Pointe de Vallonbrune, credo sui 3350. Ampie schiarite nelle ore centrali e buon panorama.
Discesa passando dal colle, molto in piedi per un centinaio di metri, poi agevole e rapida seguendo le lunghe lingue di neve non viste in salita fino ai bei prati in fiore del pianoro, a saperlo prima.. Consigliati i ramponi in caso di neve dura e rigeli, nuvolaglie persistenti sulle creste di confine, moncenisio in versione maracaibo per fortuna attraversato in ora di spiaggiamento, con Puffetta in gran forma anche su terreni infimi. salut

Link copiato