Carra Saettiva (Roc du Preve – Settore Dx) Unione delle Forze + Giochi di Primavera

Carra Saettiva (Roc du Preve – Settore Dx) Unione delle Forze + Giochi di Primavera
La gita

Fatta un po di chiarezza sul concatenamento delle due vie , soprattutto nella fase transitoria quando si passa da Unione.. a Giochi di Primavera. Chiarito anche il punto migliore in cui lasciare “Unione delle Forze” per proseguire su “Eligio Manno” (n.ro 13 nello schema delle vie) e successivamente su “Genesi Atto Finale”/”Giochi di Primavera” oppure, viceversa, rimanere su “Unione delle Forze” per poi traversare tutto a dx, andando a reperire la parte alta della stessa via, che sale lo spigolo posto fra il contrafforte roccioso dei grandi tetti e le grandi placche ancora più a dx sulle quali salgono “I Predatori della Placca Perduta” e “Rovomania”.
Nella parte alta di “Unione delle Forze” si sviluppa a mio avviso il tratto più bello della via su roccia fantastica (tipica della Carra) ed assolutamente pulita (non ci sono arbusti o altro che necessiti di opere di disgaggio) con passaggi decisamente esposti.
N.b.: mentre salivo su “Eligio Manno” ho potuto constatare che la nuova chiodatura (ben visibile essendo in “luccicante” inox..) rispetta fedelmente il tracciato originale di “Unione delle Forze” che, diversamente da quanto è stato riportato negli schemi e nelle descrizioni delle varie guide, passa molto più a dx superando una serie di tetti importanti sui quali si concentrano le difficoltà maggiori (passi di 6a+/6ab).
Ho comunque una parte di colpevolezza in tutto questo: mentre per “Sole d’Autunno”, “La pietra di Willy Coyote”, “Giochi di Primavera” ecc. avevamo lasciato una relazione esaustiva della vie, di “Unione..” non si era detto nulla.

Andando nello specifico del concatenamento:
n.b.: dopo i primi 3 tiri di “Unione..” una volta giunti nella relativa sosta, realizzata con materiale inox Raumer (catena e doppi anelli di calata integrati, montata in mezzo ai due tasselli originali della prima chiodatura..), posizionata 5/6 mt. a dx rispetto alla sequenza di spit appartenenti al primo tiro di “Eligio Manno”, se si procede seguendo la sequenza di spit che volge a dx su buona roccia, si rimarrà su “Unione delle Forze” (ed in seguito si traverserà tutto a dx per andare a reperire la parte alta della stessa via) se invece, come nel nostro caso, si traversa a sx andando a prendere la sequenza di spit che sale in prossimità dello spigolo, si procederà per un tiro e mezzo sulla “Eligio Manno” sin dove essa termina (S2 Raumer) e successivamente sui L1 di “Genesi Atto Finale” (ex L5 di” Giochi di Primavera” ), per concludere su L6 ed L7 di “Giochi di Primavera”.
Durante la salita nel tratto intermedio (secondo tiro di “Eligio Manno”) abbiamo incontrato una sosta di progressione (due spit-fix non collegati di cui uno inox) sulla dx di un piccolo diedro aggettante e successivamente la sosta S2 finale della via realizzata con materiale inox della Raumer (catena con doppi anelli di calata integrati). Quest’ultima è ben visibile in foto, con Marco “appeso” mentre mi sta assicurando sul 1° tiro di “Genesi Atto finale” (ex 5° tiro di “Giochi di Primavera”).

Ultima nota:
va comunque detto che il concatenamento in questione ha una sua logica poiché la sosta finale della “Eligio Manno” è posta esattamente sotto il 1° tiro di “Genesi Atto Finale” (ex 5° tiro di Giochi di Primavera”) che ne assume quindi la “naturale” continuazione per i tiri successivi.
Dopo il 1° tiro di “Genesi Atto Finale”, una volta giunti sulla sommità piatta dell’avancorpo, si può procedere indistintamente su L6 ed L7 di “Giochi di Primavera” (che attacca sulla dx della cima dell’avancorpo) oppure su L2 ed L3 di “Genesi Atto Finale” (che attacca sulla sx dell’avancorpo).

Ai miei tempi, la via “Eligio Manno” presentava una chiodatura pressoché inesistente quindi non l’avevo mai salita..

Link copiato