Cadreghe (Colle delle) Couloir Claude

Cadreghe (Colle delle) Couloir Claude

Dettagli
Dislivello (m)
300
Quota partenza (m)
2850
Quota vetta/quota (m)
3131
Esposizione
Est
Grado
ED

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Dal Pian della Regina 1714 si sale al bivacco Villata 2680. Dal bivacco si risale l'inizio del Couloir.
Note
Ghigo e Isaia salirono al terzo tentativo il 25 Gennaio 1981 riuscendo a realizzare quella che al momento è la più difficile via di ghiaccio delle Alpi Sud-occidentali.
La battezzano Couloir Claude a ricordo del loro amico Claudio Bodrone, caduto sull'adiacente parete del Visolotto.
Prima solitaria: T.Gallo novembre 1983. Variante diretta d'attacco: G.C.Grassi, R.Luzi, P.Mattiel, P.Marchisio 13 Febbraio 1985.
Descrizione

Si sale per rocce e neve per 20 metri poi per un diedro superando a sx e una placca di IV-V sostenuto.
Segue una rampa rivestita di ghiaccio colato. Variante diretta: dalla caverna rocciosa si attacca la stalattite iniziale 30 metri, 90°.
Si prosegue a sx 85 poi 70° e 90°; seguire un tratto nevoso per superare a sx la colata che si restringe sulla placca verticale 80-90° ghiaccio sottilissimo e non proteggibile.
Si supera l’ultimo salto al centro (90°) sino alla strozzatura rocciosa con blocco. Si passa a dx (V-) per giungere al canale superiore. Si segue per 150 m (45-50°) uscendo alla forcella.
Discesa: dalla fine delle difficoltà tecniche in abalakov sulla via. Oppure aggirando il Visolotto sino al passo Due Dita (molto lungo).

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Bibliografia:
Ghiaccio dell'Ovest G.C.Grassi
farshy1971
14.04.2001
19 anni fa

Condizioni

Link copiato