Brenva (Bivacco della) dal Pavillon per il Mont de la Brenva

Brenva (Bivacco della) dal Pavillon per il Mont de la Brenva
La gita
climbandtrek
5 29/08/2017
Traccia GPX
2017-08-29 - Bivacco della Brenva

Non c’è altro da dire se non che è stata una gran bella avventura negli angoli più selvaggi di questo versante senz’altro pochissimo frequentato dove abbiamo trovato soltanto un ometto sulla dorsale del Mont de la Brenva ed il riferimento della pietra bianca avuto da informazioni di qualche guida locale; veramente esposti alcuni traversi e la discesa alla morena dove siamo giunti, forse casualmente, proprio vicino ad un masso con uno dei pochi bolli gialli. Da qui percorso faticoso e con qualche leggero saliscendi tenendo come punto di riferimento il dosso del bivacco al quale ci siamo avvicinanti spostandoci leggermente sulla sinistra sin sotto il canale detritico che de esso scende; durante questo avvicinamento sono caduti alcuni massi dal fronte del ghiacciaio della Tour Ronde, appena a destra dell’isoloto roccioso, grandi come automobili e, giunti quasi alla base del canale sotto il bivacco, altre pietre rotolavano dall’alto di esso. Di conseguenza e veramente con grande rammarico e dispiacere abbiamo velocemente girato i tacchi e rinunciato quando eravamo ormai a circa un’ora dal bivacco….peccato!! Da questo punto è senz’altro valida, ed è quella che avremmo effettuato, la descrizione dell’ultima parte di salita fatta da “bisius” nella sua relazione. Che erano ambienti pericolosi ci eravamo già resi conto da lontano e con questi periodi di secca evidentemente lo sono ancora di più. Scesi dalla “normale”, che di normale ha veramente poco, siamo arrivati poi al piazzale dell’elicottero dove abbiamo saputo che le numerose rotazioni dell’elicottero che ci hanno sorvolato hanno consentito il trasporto in quota di alcuni geologi con attrezzature che dovevano monitorare il pericoloso spostamento/movimento di una faglia rocciosa tra la cresta della Tour Ronde ed il versante meridionale del Maudit…..ce ne siamo accorti!! Anche se non abbiamo raggiunto la meta allego comunque la traccia.
Con l’amico Valerio che ha dimostrato di avere l’avventura nel sangue.

Link copiato