Bolza (Monte) da Castel del Monte, anello e traversata di cresta

Bolza (Monte) da Castel del Monte, anello e traversata di cresta

Dettagli
Dislivello (m)
700
Quota partenza (m)
1345
Quota vetta/quota (m)
1927
Esposizione
Varie
Grado
EE

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Dalla piazza del borgo di Castel del Monte si sale a piedi Via San Donato fino alla chiesetta del Santo Patrono, poi si attraversa la SS 17 all’altezza di un parcheggio; dall’altro lato della strada un paletto bianco rosso indica l’inizio del sentiero per il Guado della Montagna, antica mulattiera che collegava il paese all’altopiano di Campo Imperatore e che scendeva su questo di fronte al Monte Camicia.
Note
Le due cime unite da una lunga cresta percorribile a piedi, costituiscono un complesso che delimita a SE l’altopiano di Campo Imperatore, dalla Sella di San Cristoforo e il Guado della Montagna. A seconda di dove si guardano hanno una forma piramidale o trapeizodale.
Itinerario suggestivo e molto panoramico su tutta la catena del Gran Sasso dal Monte Camicia al Corno Grande da un lato e sulle catene più importanti della regione... Majella, Sirente, Velino... e ancora Rocca Calascio e la Valle del Tirino con il lago di Capo D’Acqua dall’altro lato.
Descrizione

Si risale la Costa del Cavone e giunti ad un colletto (Navellone) tra il Bolza a sin e il modesto Licciardi a destra (digressione di 10’ con bel panorama su CdM), si tralascia il sentiero principale per il Guado ben visibile e per tracce su pendii prativi via via più ripidi si punta ad un grande masso piatto che sembra in bilico.

In breve con qualche breve e facile passaggio dove si appoggiano le mani si giunge in modo evidente all’anticima e in vetta (targa della Polisportiva di CdM).

Dalla cima si prosegue verso Ovest camminando tra rocce e pietre e scendendo leggermente evitiamo un salto di roccia, altrimenti scalabile con uno o due passaggi di II grado. Risaliti leggermente si cammina senza possibilità di errore lungo il crestone erboso dove ogni tanto si incontra qualche segno, in realtà non necessario. Si punta l’evidente cima rocciosa a quota 1927 su cui si arriva camminando.

Proseguendo la dorsale per prati e tracce si arriva alla Sella di San Cristoforo dove passa una strada bianca (sempre visibile dalle due punte e dalla cresta). Prendendo a sinistra e al successivo bivio ancora a sinistra in circa mezz’ora/quaranta minuti si torna a Castel del Monte.

In alternativa per accorciare un po’, ritornando indietro si può scendere a fianco di una crestina rocciosa un pendio/canale largo e non troppo ripido e per pascoli e pietre si raggiunge la stessa strada in qualsiasi punto si voglia un po’ più vicino al paese.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Carta dei sentieri CAI “Gran Sasso Sud-Est “ scala 1:25000 su base IGM Ed. IL LUPO

Carta 1:25000 - Gran Sasso - CAI Sezione di L'Aquila
alfonsom
09.09.2020
1 mese fa

Tracce (1)

Condizioni

Link copiato