Bisalta o Besimauda (Monte) da Pradeboni

Bisalta o Besimauda (Monte) da Pradeboni
La gita
max64
3 07/12/2019
Accesso stradale
ok fino alle Meschie
Osservazioni
Nessuno
Quota neve m
1000
Equipaggiamento
Scialpinistica

Siamo saliti dalle Meschie per l’itinerario classico, tagliando nel bosco per non fare la stradina. Neve dura portante all’inizio, poi via via crosta sempre meno spessa, con manto irregolare. Sulla dorsale neve ventata e crostosa, comunque i coltelli non li abbiamo usati. Scesi al colletto tra le due punte su neve molto ventata e lastre ghiacciate, abbiamo deciso di scendere un tratto sul versante nord, e qui abbiamo trovato farina molto bella, con un po’ di dune molto divertenti. C’erano tracce di 2 persone salite e scese su questo versante. Ripellato, risaliti al colletto, siamo scesi nel versante/canalone lato Meschie, trovando in alto neve variabile, ventata, a tratti farina, a tratti compatta gessosa, un po’ da interpretare ma sciabile. Più in basso crosta di tutti i tipi, più sciabile sui versanti dove aveva mollato con il sole. Tra ravanamenti vari siamo comunque scesi fino alla macchina sci ai piedi.

Velatura al mattino fino alle 11 poi bella giornata, temperatura non freddissima, un po’ di vento debole ma fastidioso in cresta.
Visuale come sempre spettacolare, con le montagne della Liguria da una parte e tutta la cerchia delle Alpi dall’altra, Cervino, Monte Rosa e poi oltre fino alla Lombardia. Ai nostri piedi, come vista da una mongolfiera, la ancora verde pianura cuneese e padana: dove c’è un altro panorama così? Ottima compagnia con Mauro, Roberto e Andrea. Panaché a Villanova come degna conclusione.
Un saluto allo scialpinista incontrato alla partenza ed in vetta, ed al suo festoso cane.

Link copiato